lunedì 20 giugno 2011

Cobbler di ciliegie


Ma tu guarda che fortuna.
Si, la mia scuola sara' pure un covo di stralunati arrivati da poco sulla Terra da un qualche remoto pianeta al di fuori del Sistema Solare, compresa la sottoscritta che sono certa competa per i primi posti della classifica della locale follia.
Una specie di Babele in cui convivono un numero imprecisato di nazionalita', di lingue, di culture e religioni.
O un buon esempio di ONU casalingo, in cui come nel fratello maggiore si discute non poco, capendo che la pace nel mondo sara' impresa impossibile, se gia' averla tra una quarantina di aule e' affare tanto complicato.
Sara' pure che il vicepreside non sapeva cosa fosse il pi grecoche il preside ci faccia sempre lavorare in temperature a rischio assideramento, o che alla mia richiesta all'insegnante di Scienze di spiegare agli alunni che cominciavano un corso pomeridiano di nuoto il principio di Archimede siano seguiti meetings e riunioni sull'opportunita' della cosa che mi hanno fatto quasi desistere dall'insistere oltre.
Quasi, eh, non ho detto di aver desistito ;-)
Ma tutte le medaglie hanno almeno un lato buono.
E qui e' lei, la favolosa biblioteca.
Un mondo infinito di volumi, riviste, le piu' strane, quelle che mai mi sarei sognata.
E udite, udite: con una sezione Cucina davanti alla quale chiunque cadrebbe in estasi.
Persino Living, la rivista di Martha Stewart! Va bene che con la rapidita' delle poste saudite abbiamo da poco ricevuto il numero dello scorso Natale, che importa?
Ma c'e' lei, la nostra terribile bibliotecaria.
Meta' irachena e meta' americana, dimostra un DNA belligerante che non so bene a quale delle due nazionalita' attribuire di piu'.
Severa come un generale tedesco, ed inflessibile sulle regole di quello che considera il suo regno indiscusso.
Per cui se io mi intrufolo, sperando di non essere vista, con passo felpato e ci manca pure che mi butti in terra a fare quello del giaguaro, sappiate che lei mi vedra'.
Vede tutto, sa tutto.
La mia idea di sgraffignare la rivista per la pausa pranzo, leggermela in santa pace in classe e riportarla subito dopo e' appena finita nel cestino dei desideri irrealizzabili.
Devi leggerla qui in biblioteca, non deve oltrepassare la porta.
Uffa.
Pero' per me ha un quasi impercettibile debole, non so bene se perche' ogni tanto porto un vassoietto di realizzazioni dalle suddette riviste o perche' l'anno scorso ho promosso una delle sue figlie a pieni voti.
Sono in classe, e sento un fracasso.
E per fracasso intendo uno di quelli che fanno zittire anche gli alunni scalmanati.
Dubito che sia crollato il corridoio, e apro la porta: incredibile.
La bibliotecaria, insieme al nostro factotum filippino, spinge un rumorosissimo carrello per tv, strapieno di riviste che cadono da tutte le parti.
E vuole entrare da me!
Le dobbiamo buttare perche' non c'e' piu' posto. Ma queste non le hai mai viste, stavano in soffitta. Buttale tu, in caso.
Detto col solito piglio, e nemmeno l'ombra di un sorriso.
Oddio: un carrello con un centinaio di facce di Martha Stewart che mi guardano tutte con la stessa espressione.
Non mi bastera' una vita, e nemmeno le braccia, a portarmele tutte a casa.
Intanto ne ho prese un paio, ed ecco cosa ne e' uscito: un dolce delizioso.
Ne ho fatti due, ed uno e' arrivato anche in biblioteca.
Ma se lo sapessero all'ONU, che basta una torta... ;-)

Cos'e' un cobbler? Una cosa buonissima, mi viene da rispondere. Un incrocio tra un crumble e un pie, con meno burro del primo e meno pasta del secondo.
Facilissimo e velocissimo da realizzare, a parte la scocciatura di snocciolare le ciliegie. Ma credetemi, sarete ripagati nel momento in cui i frutti ammorbiditi ma ancora abbastanza sodi vi si scioglieranno in bocca con il loro sciroppo, affogati in una pasta buonissima.
E permettetemi una nota personale: oggi sarebbe stato il compleanno della mia mamma.
Sono certa che un dolce simile le sarebbe piaciuto moltissimo :-)

La ricetta va al consueto appuntamento con il calendario di Ammodomio.




CHERRY COBBLER
( per una teglia 25cm x 20cm )

per il ripieno

mezzo kg circa di ciliegie, peso con il nocciolo
100g  di zucchero semolato
2 cucchiaini colmi di amido di mais
poco estratto di vaniglia

per la crosta

260 g di farina
2 cucchiaini di lievito per dolci
30 g di zucchero
85 g di burro freddo
250 ml circa di panna liquida ( quella da montare!)
mezzo cucchiaino di sale

poca panna e poco zucchero, per spennellare

Snocciolare con santa pazienza le ciliegie e metterle nella teglia in cui il dolce verra' cotto e servito. Unire la vaniglia, lo zucchero e l'amido, quindi rimestare tutto con le mani e mettere da parte.
Preparare la crosta: mischiare in una ciotola farina, zucchero, sale e lievito. Ora sbriciolarci il burro freddissimo, magari grattugiandolo con una grattugia a fori grossi:


Ora, usando una forchetta e non le mani, aggiungere pian piano la panna liquida fermandosi quando il composto sta insieme. Alla fine, ma solo alla fine, sara' impossibile non metterci le mani, e compattare velocissimamente il tutto.


Aiutandosi con un po' di farina stendere subito la pasta su della carta forno in uno strato di circa un centimetro.
Adagiarla sulle ciliegie, piegando i bordi sulle stesse.


Spennellare con poca panna, spolverizzare con zucchero semolato e cuocere in forno preriscaldato a 190 gradi per circa 45 minuti.
Se si colorisce troppo abbassare la temperatura a 180.
Servire a temperatura ambiente.

NOTE:

- il cobbler si serve nella stessa teglia in cui si prepara, quindi sceglietene una che possa andare in tavola.

- puo' essere fatto con altra frutta, ma con quella acidula ha un tocco in piu'.
- non omettete l'amido nel ripieno: combinandosi con il succo della frutta e con lo zucchero contribuira' a creare uno sciroppo delizioso, quello che spuntera' da tutti i lati del vostro cobbler.

- data la natura del dolce, non escono fette perfette! E' un incrocio tra una crostata e un dolce al cucchiaio ;-)


106 commenti:

  1. vedi che alla fine l'imperturpabile e arcigna custode ti ha premiato!che fortuna e che dolcezza questo dolce!

    RispondiElimina
  2. gnammm...fantastica questa ricetta, me la segno (come mi segno quasi tutte le tue, eheheheh!)
    Anche qua da me in biblioteca la sezione cucina è da urlo!
    Un abbraccio e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  3. Me gusta, tiene una pinta deliciosa.

    Saludos

    RispondiElimina
  4. che bontà!!! allora dobbiamo aspettarci molte ricette di Martha prossimamente, chissà quante delizie! :D direi che la bibliotecaria ti ha consegnato un tesoro! ;)

    RispondiElimina
  5. stupendo,con il gelato alla vaniglia!!!

    RispondiElimina
  6. Ho la sensazione che la "fatica" di snocciolare le ciliegie sia stata molto ampiamente ripagata :D! Che fortuna la ripulita della biblioteca. Bacioni, buona settimana

    RispondiElimina
  7. invidiaaaaa per tutte quelle riviste! ma che fortuna Stefy!!! bellissimo questo dolce!!! un bacio e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  8. Siamo CERTE che la tua mamma avrebbe gradito una chicca del genere!! Non conoscevamo il tipo di dolce, ma da te ,veramente c'è sempre da imparare!! Besos e buona giornata!!

    RispondiElimina
  9. La cosa che mi piace del tuo blog è che mi spiazzi sempre e non parlo solo di cucina. Certo le tue preparazioni riescono sempre al primo colpo e questo è merito tuo ma una delle cose che mi piace è lo stile con il quale scrivi. Scrivi in modo leggero ma lasciando trasparire sempre profondità. Stamane a metà post già mi ero ritagliato una battuta cattivella con il quale "salutarti" in modo scugnizzo ovviamente poi sono arrivato a fine articolo...e mi hai disarmato senza pietà. Sono rimasto con un bel sorriso di stima ed affetto...qualche immagine di Martha Stewart di troppo ed il profumo di un dolce buono due volte...uno per fattura...uno come ricorrenza.
    Sei davvero brava :)))

    RispondiElimina
  10. Scusa il commento disarticolato...ma scrivo in condizioni davvero temerarie :P eheheheehe

    RispondiElimina
  11. Mai sentito questo dolce! L'aspetto è bellissimo e molto estivo con le ciliegie! Che carina la bibliotecaria........vedi, non si può mai sapere quanto ti possono stupire le persone! Un bacio a te per l'anniversario della tua mamma.....Franci

    RispondiElimina
  12. Tante riviste di cucina e tutte nelle tue mani...una mamma per una foodblogger!!!io le avrei infilate anche nel reggiseno hahahahaha e questo dolce è davvero particolare mi intriga moltissimo....scatta il copia e incolla subito!!baci,imma

    RispondiElimina
  13. Ma il cobbler e' della Martha?
    Be' comunque ecco uno degli effetti che puo' avere un dolce: addolcisce proprio tutti!
    Ciao cara e buona settimana :-)

    RispondiElimina
  14. Che dolce eccezionale.Complimenti a te e alla bibliotecaria.Aspettando profitto da nuove letture ti invio i miei più cari saluti.

    RispondiElimina
  15. Ma che dolce favoloso e originale!!
    Sempre più brava tesoro, devo aspettare ottobre ormai qui è impossibile accendere il forno :(
    Bravissima come sempre
    buona giornata ^_^

    RispondiElimina
  16. la fortuna sarà anche cieca, ma questa volta (nelle vesti della bibliotecaria) ci ha visto benissimo!! che bel colpo, sia per te che per noi...
    questo dolce non lo conoscevo proprio: cerco una teglia bella come la tua e lo faccio!!!

    RispondiElimina
  17. Menomale, alla fine la bibliotecaria ha mostrato il suo lato tenero, anche se non voleva proprio farlo vedere :)))

    Beata te, non so che darei per ricevere io una carrellata di riviste e per gustarmi proprio ora questo fantastico dolce.

    Allora, aspettiamo tante belle ricette e, a proposito, faccio ugualmente tantissimi auguri lla tua mamma.

    RispondiElimina
  18. Molto particolare ed originale questo dolce e penso che valga la pana di passare qualche minuto a snocciolare le ciliege. Chissà che belle ricette tirerai fuori da quelle vecchie riviste, un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  19. Mi sento una capra:non conoscevo il cobbler...

    P.S.
    Evviva le mamme, ovunque esse siano

    RispondiElimina
  20. Mi piace il fatto che ci sia poco burro....in questi dolci estivi, con la frutta, se riusciamo a tagliare un po' le calorie è sempre meglio! Anche perchè ci possiamo concedere il bis senza remora alcuna!!!

    RispondiElimina
  21. tu lo sai, vero, che in questo momento ondate di pura invidia stanno solcando il mediterraneo, dal mar ligure ai lidi arabi??? l'opera omnia della martha, pure in originale e vintage... neanche avessimo scovato un van gogh sulle bancarelle di piazza Campetto, guarda :-)
    PER PUNIZIONE- perchè mica vorrai che mi sporchi la coscienza e mi danneggi il fegato, con quello che sto rosicando- bisognerà provvedere a riprodurre un po' di ricette qui sopra, mi sa... :-)
    Amo il cobbler sopra ogni cosa (e la tua dedica, ancora di più)
    un abbraccio transmediterraneo
    ale

    RispondiElimina
  22. Come dolce non so se rientrerebbe a pieno nei miei gusti, ma il tuo modo di raccontare ogni cosa è davvero da "libro". Un bel regalo dalla sig.ra Rottermaier (Heidi.. ricordi?) e lassù... è sicuramente arrivato il profumo!!!! Abbracci

    RispondiElimina
  23. Riesci a dar un tocco di magia a tutto ciò che prepari Stefania!Tua mamma so che ti guarda orgogliosa da lassù :)
    E pure la bibliotecaria mi sa che sorride, certa di aver fatto la cosa giusta!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Uno dei tuoi post più belli. Sai che stai diventando davvero una scrittrice? Per chi ti segue con continuità c'è una evoluzione evidente. L'arrivo del carrello è un colpo magistrale. Mi identifico totalmente con le tue reazioni davanti a un simile regalo che qualcuno avrebbe voluto regalare alla pattumiera. Quanto alla severità usa-iraq non sarà che qualche collega si mostra un po', ehm, disinvolto sulle restituzioni? Questa torta diplomatica dedicata alla tua mamma sembra davvero una delizia. L'idea di grattugiare il burro è tua?
    Livia

    RispondiElimina
  25. Interessantissima preparazione!!! Naturalmente grazie per le risate che mi regali sempre con i tuoi racconti...
    Franci

    RispondiElimina
  26. Dev'essere buonissimo, ma a tagliarlo non è un macello??

    RispondiElimina
  27. Che belli i tuoi racconti, fanno fantasticare di brutto! La bibliotecaria deve avere un debole per te, o magari pensava quasi di farti un dispetto con tutte quelle riviste.
    Anch'io sarei andata a nozze con un'offerta simile!
    Originale la grattuggiata di burro, come questo cobbler!

    RispondiElimina
  28. Un carrello di facce di martha stewart mi ha fatto sbellicare! Bè direi che se hai tirato fuori questa ricetta così sfiziosa ti sono capitati due bei numeri!

    RispondiElimina
  29. a me piace molto Martha trovo le sue ricette particolari e molto buone e complimenti per aver "corrotto" con i tuoi manicaretti e secondo me anche con il tuo sorriso il "generale" della biblioteca :-)

    RispondiElimina
  30. Non avevo mai sentito parlare di cobbler....sembra ottimo!!!
    Ma... una montagna di rivista di Martha Stewart???
    La bibliotecaria sarà austera e impassibile, ma mi sa che ha il cuore tenero visto questo regalo bellissimo... o magari è solo golosa??? :P

    RispondiElimina
  31. Cobbler...mai sentito, lo so sono proprio ignorante! Se si tratta di dolci poi....ignorantissima!! Deve essere molto buono...slurp! Un abbraccio a te e un pensierino alla tua mamma.....
    A presto

    RispondiElimina
  32. Bene, devo imparare a non leggere più i tuoi post in ufficio, altrimenti mi prendono per pazza vedendomi ridacchiare davanti allo schermo del computer. Detto questo, il dolce è interessante, ma poi a tagliarlo non si rompe tutto? o il ripieno di ciliegie rimane sodo?
    Baci
    Camy

    RispondiElimina
  33. Che bello questo tripudio di ciliegie condiviso :) e fossero tutte così le bibliotecarie, saremmo a cavallo! Baci settimanosi arabina bella

    RispondiElimina
  34. Araba! Ma tutte le fortune, ti capitano lì in ARabia!! Giornali gratis, bibliotecarie simpaticissime ...,-)
    Mi sa che emigro, solo per avere giornali di cucina gratis!!
    Bello questo ...cobbler, corro a comprare le ciliegie!
    acc...sono a dieta..;-(
    Beh, mi limito a sospirare sul tuo dolce!
    Ciao
    Cinzia
    ps...e magari una cremina al cioccoalto di ..."rinforzo"?;-)

    RispondiElimina
  35. Per me dove c'è ciliegia c'è delirio del palato, in senso buono ovviamente! amo amo amo il cobbler!

    RispondiElimina
  36. spettacolare questo bel dolce :)

    RispondiElimina
  37. ma che bella ricetta, l'amido nel ripieno io le metto anche nella pie ma senza esagerare, questa COSA MI ISPIRA MOLTO, BRAVISSIMA!!!!

    RispondiElimina
  38. Alla faccia della bibliotecaria! Ma mi piacerebbe sapere quanti dolcetti sono arrivati in quella biblioteca....a mo di corruzione!!! Un dolce fantastico....e con le ciliege ancor di più! Un bacio

    RispondiElimina
  39. Ahhhhhh...lo senti il mio sospiro? Con il capino piegato in estasi sognante sul tuo carrello pieno di riviste? Roba che se capitasse una similfortuna alla sottoscritta, metterei fuori il gran pavese e chiamerei una banda a suonare. Che regalo! La tua bibliotecaria è come un croccante di mandorle: dura arrabbiata, ma quando la sbricioli fra i denti, che delizia! Questo cobbler è perfetto per le monoporzioni: ho giusto comprato delle cocotte di ceramica bianca e ce lo vedo dentro benissimo...Un grande bacio e buona settimana.Pat

    RispondiElimina
  40. Ciao, volevo fare la tua ricetta con i ceci speziati, come si chiamava???

    A.

    RispondiElimina
  41. Non riuscissi mai una volta a fare un dolce con le ciliege. Ce ne sono molti che vorrei fare ma ogni volta che le compro non durano neanche 3 ore...me le finisco così al naturale. Non resisto. Non è possibile! non ce la farò mai, sono troppo golosa...d'altronde, una tira l'altra! ;-)

    RispondiElimina
  42. Chi informa l'onu che basta una torta?! Complimenti per il "bottino"!

    RispondiElimina
  43. Buono!!
    Solo che io lo faccio alla vecchia maniera...tagliando cerchietti di impasto per gli scones e mettendoli vicini così il risultato è proprio una specia di coperchio di ciottoli.

    Un sorriso peace&love,
    D.

    RispondiElimina
  44. Snociolare le ciliegie mi rilassa, se penso poi a questo magnifico risultato non mi pesa affatto!

    RispondiElimina
  45. con i tuoi post riesci sempre a farmi sorridere e anche a commuovermi. Oggi però sei riuscita anche a mettermi in imbarazzo, perchè credevo di aver finalmente scelto la ricetta per il giveaway ma riesci a farmi cambiare idea ad ogni post ;)
    Ora sono in uno stato confusionale tale da cui spero di uscire presto :D
    Ricetta deliziosa, anzi strepitosa essendo io amante di pie e crumble che potevo desiderare di più? ;)
    Un bacio

    RispondiElimina
  46. Ricetta strepitosa, e stupendo il racconto: se scrivi un libro saro' la prima a comprarlo!! Sono sicura che la tua mamma, da lassu', sia davvero fiera di avere una figlia cosi'!! Bacio, Arabellissima, e alla prossima ricetta (con tutte quelle riviste, chissà quante ne sfornerai!!)

    RispondiElimina
  47. ma che bella ricettina, è molto invitante, ma ora aspettiamo la serie completadelle ricette nelle riviste. Baci

    RispondiElimina
  48. Che dire... una goethiana "corrispondenza d'amorosi sensi"! Cobbler in forno pure da me, un po' diverso dal tuo (che appunto per future infornate), ma pur sempre di ciliegie. Però mi manca la sontuosa biblioteca... anche se farei a meno di quel vicepreside ignaro del pi greco...
    Ciao!

    Sabrine

    RispondiElimina
  49. beh, se questa è solo la prima ricetta che prendi da que libri "buttati" immagino le prossime che saranno!!
    Buonissima, segno subito la ricetta!

    RispondiElimina
  50. Meno male che la bibliotecaria non ha l'hobby della cucina!
    Nella nostra biblioteca comunale le riviste vecchie di cucina, spariscono misteriosamente!
    Bellissimo dolce, ma dopo un'infilata di compleanni, anniversari e ricorrenze varie...la pasticceria mi è uscita dalle orecchie...incredibile!

    RispondiElimina
  51. @ lucy: eh si, fosse solo perche' sono uno dei pochi puntuali nel riportare i libri che prendo in prestito ;-)

    @ Simo: farei volentieri un gemellaggio ;-)

    @ jose manuel: grazie!

    @ Glo83: un tesoro! di piu'. E si, preparati a vederne molte altre ;-)

    @ Tamara: si, ci starebbe bene.

    @ Federica: piu' che ampiamente...

    @ Sara: si, infatti sono felicissima!

    @ par&spery: grazie :-)

    @ Gambetto: ecco, pero' a me adesso e' rimasta la curiosita' della battuta...scugnizza. Grazie ;-)

    @ franci e vale: vero, le persone sono sempre delle sorprese!

    @ dolci a gogo: mille grazie, Imma :-)

    @ Kat: si si, e' suo!

    @ annamaria: e in primis alla martha nazionale! grazie!

    @ Anna: gia' cosi' caldo???

    @ cristina b.: una fortuna sfacciata ;-)

    @ giulia: grazie per il tuo pensiero molto delicato.

    @ Le pellegrine Artusi: si, vale assolutamente la pena!

    @ Lydia: un bacione, con lo schiocco!

    @ Emanuela- Pane, burro e alici: giustissimo :-)

    @ alessandra (raravis): accetto con spirito di redenzione la punizione, e ho fatto pure rima..

    @ Chez Denci: sei un genio!!! questo sara' da oggi il nuovo soprannome...

    @ Fabiola: ;-)

    @ Saretta: la bibliotecaria sorride perche' si e' appena sbafata il cobbler, secondo me!!!

    @ Livia: scrittrice? Livia, su, va bene che sei sempre indulgente ma questo no, purtroppo!
    Quanto alla tipa, hai azzeccato, e devo dire che se non fosse per lei la biblioteca sarebbe vuota, probabilmente. L'idea del burro...non e' un'idea, ma il Kenwood era occupato e mi e' sembrato il modo piu' rapido ;-)

    @ Francesca: grazie a te, per la pazienza di leggere ;-)

    RispondiElimina
  52. ...giro e rigiro nei vari blog e mi imbatto sempre in dolci alle ciliegie...mi state contagiando...:-)

    RispondiElimina
  53. la cosa che non mi piace delle torte crumble-style è proprio l'eccesso di burro che invece tu hai risolto benissimo in questa ricetta!!! Bravissima, come sempre!

    RispondiElimina
  54. che meraviglia!
    certo che con il passo del giaguaro mi avevi già terrorizzato...mi vedevo la segretaria in tenuta anti sommossa :S
    però sei stata ripagata, doppiamente direi!
    un bacio

    RispondiElimina
  55. Anche a scuola nostra c'è una bibliotecaria come la tua, ma palermitanissima... il mio vantaggio è che in biblioteca da noi non ci sono libri di cucina e tanto meno riviste di Martha Stewart, perfino patinate! In compenso, la mia scuola è un gran covo di stralunati, per giunta tutti della stessa nazione, che non riusciranno mai a nemmeno a pensare alla pace nel mondo! Insomma ti tocca produrre e alla grnade per colmare questo mio grande vuoto! :)
    P.s. Sei una persona dolcissima! :)

    RispondiElimina
  56. UH!!! Quante belle riviste!!! Sei stata fortunatissima!!!! Sai che non avevo mai sentito parlare del cobler?!!? Eh lo so... somma ignoranza!!! Vorrà dire che dovrò rimediare facendolo ;) baci grandi, Titti

    RispondiElimina
  57. Stefania...quanto mi piace il cobbler...provalo con le pesche accompagnate con il gelato alla vaniglia...bacionissimi, Flavia

    RispondiElimina
  58. Nooooooo... ogni ricetta che pubblichi mi fa venire voglia di provarla... come faro?

    PS: auguri alla tua mamma anche da me... che possano arrivarle lassù :-*
    A.

    RispondiElimina
  59. auguroni alla tua mamma e grazie della ricetta che avevo visto in diversi siti americani, chiedendomi sempre di cosa mai si trattasse.... e che chic quello stampo :)

    RispondiElimina
  60. Buon per noi che il tuo indiscutibile fascino, è riuscito a smuovere anche la gentile bibliotecaria.....e noi tapini senza simili poteri copiamo volentieri con l'unica certezza...che in Cielo si starà facendo festa!!!!!!!

    RispondiElimina
  61. io è meglio che non ti dica cosa mi è capitato di dover riordinare nell'archivio del mio ufficio.....
    di sicuro non erano riviste di cucina!!!!

    ps: la tua mamma li ha ricevuti di certo gli auguri... e sai una cosa? per il tuo giveaway ho preparato una cosa che mi era riuscita male per il compleanno del mio papà - anche lui non ha potuto assaggiare, stavolta, ma sono certa che mi sono riscattata anche ai suoi occhi! <3

    RispondiElimina
  62. immenso gaudio che spettacolo!!!!!! sia per le riviste della mia amata Martha, che anche se in inglese giuro comprerei e poi per questo dolce, che meraviglia Stefania!!!!!

    RispondiElimina
  63. Stefania, dimmi, ma che hai fatto con le altre riviste? Mica le hai buttate? Chissà quanti tesori nascondono.. Che buono questo cobbler!
    un bacione!

    RispondiElimina
  64. Ecco, questa sarà la ricetta che copierò per il tuo contest...troppo goloso il cobbler di ciliegie!

    RispondiElimina
  65. questa combinazione tra crumble e pai mi mancava proprio..ottimo...mamma mia!un abraccio

    RispondiElimina
  66. WOOOOW CHE GODURIA PAZZESCA!

    RispondiElimina
  67. finalmente riesco a commentare!!! blogger fa le bizze da tempo soprattutto quando sono in ufficio...a casa ho qualche chance in più...pacchi e pacchi di riviste della martha???? ma è una goduria!!! non so cosa darei!!! mia figlia, marie anotinette, nonostante l'etichetta :-) , quando era stata a NY mi aveva portato una copia di LIVING che custodisco gelosamente...quindi apprezzo doppiamente questa tua ricetta ...in più adoro i crumble e questa è un'idea alternativa assolutamente da segnare....un grande abbraccio

    RispondiElimina
  68. Bello pensare di avere i prossimi giorni impegnati in piacevoli letture e curiosità culinarie...se poi i risultati sono così evidenti!

    RispondiElimina
  69. Sia lodata la bibliotecaria! Io sono allergica alle ciliegie ma è come se avessi sentito sul mio palato la meraviglia di questo dolce. Pensi che potrei sostituire le ciliegie? si, lo so, sarebbe uno scempio...immagino come possa essere questa delizia di ciliegie...vabbhè, grazie per avermi fatto almeno sognare!

    RispondiElimina
  70. Io in autunno l'ho fatto con l'uva fragola: è un dolce delizioso che preferisco al clafoutis ....

    RispondiElimina
  71. Fantastico il faccione di Marthha Stewart for ever ...!! Ps tra poco on line un cobbler gluten free...che sará telepatia da espatriati?..
    Bacioni

    RispondiElimina
  72. a dire il vero non conoscevo questo dolce ma posso solo dire che lo trovomolto invitante. un bacione.

    RispondiElimina
  73. Che c...!!!!
    E adesso quante ce ne farai vedere di così buone?!!!!!
    Dovrò comprarmi delle cocottine perchè lo preferisco monoporzione, buonissimo, brava!

    RispondiElimina
  74. Mille grazie al tenete di ferro che non elargirà sorrisi, ma dispensa riviste eccezzionali... e ovviamente grazie infinite al tuo buon cuore di condividerle sempre con noi famelici amici della buona tavola :)

    RispondiElimina
  75. A quest'ora e' una visione che mi riciconcilia col mondo....
    ne e' rimasto un avanzo? solo un angolino???? :-)

    Buonissima giornata!
    P.

    PS. nel caso non sapessi come smaltire tutte quelle riviste...mi offro volentieri come volenterosa volontaria!!!! :-D

    RispondiElimina
  76. Ehm... ma in Arabia Saudita la fate la raccolta della carta? No, perché altrimenti pensavo che sarebbe un vero peccato gettare quelle riviste tra i rifiuti indifferenziati, pensa a quante foreste abbattute inutilmente... potresti inviarle a me e ci penso io a introdurle nell'apposito bidone. Il fatto che quest'ultimo si trovi in casa mia, tra due poltrone, in salotto, ed abbia un aspetto vagamente simile a un portariviste di ferro battuto non ti deve far dubitare delle mie buone, ecologiste intenzioni...

    RispondiElimina
  77. Contesto quello che ha scritto Lidia(?) questo non è il tuo post più bello...io li leggo sempre con attenzione e con divertimento e devo dire che mi piacciono tutto...
    A differenza degli altri è interessante, credimi e ha scatenato l'invidia di tutte noi, la bella messe di riviste che hai raccolto in modo del tutto involontario!!!
    Ma anche senza quelle la tua creatività in materia di dolci e non solo.... è innata...
    Ora sai cosa ti dico??
    Vado a comprare le ciliegie...qui il termine ultimo per avere ciliegie buone è il 24 di giugno (qui si festeggia San Giovanni).
    Dopo tale data , almeno così si dice, dentro si può trovare un ospite indesiderato!!
    Baci

    RispondiElimina
  78. Voglio anch'io tutte quelle rivisteeeeeeeeeeeee
    Quanto sarà buono sto dolce mamma mia!!!

    RispondiElimina
  79. mamma mia voglioa nch'io tutte quelle rivisteeeeee..io ne ho poche e la maggior parte sono a casa di Mamma e lo so sembra una cavolata ma nn posso comprare tutti i mesi le mie riviste preferite..però vabbè una al mese me la faccio bastare! Sembra proprio buono questo dolce..nn proprio leggero ma chi se ne f..!

    RispondiElimina
  80. @ ELel: un macello no, ma ovviamente non vengono fette regolari ;-)

    @ Mercoledi': un dispetto no, sa quanto mi piaccia cucinare...

    @ Kitty;s Kitchen: ed ancora devo sfogliare gli altri!

    @ Ros: non oso pensare cosa chiedera' in cambio...

    @ Tery: la seconda che hai detto...

    @ Rosalba: e' ottimo! e facilissimo, provalo ;-)

    @ Le Temps de Cerises: no,non rimane sodo, per questo a volte viene fatto direttamente in monoporzioni ;-)

    @ Reb: eh si...

    @ Cinzia: hai visto, tutte le fortune a me...;-) Il cioccolato ho paura copra il gusto delle ciliegie, ma una pallina di gelato alla vaniglia forse ci va meglio ?

    @ Sarah Fragola e Limone: lo so, che abbiamo molti gusti in comune...

    @ Mirtilla: grazie!

    @ colombina: l'amido fa si che si crei lo sciroppino, non ci rinuncerei per nulla al mondo...

    @ Gianni: hai azzeccato il punto ;-)

    @ Patty: nelle monoporzioni e' assolutamente perfetto, ma io morivo dalla voglia di provare la teglia nuova :-)

    @ Alessandra: questi?
    http://arabafeliceincucina.blogspot.com/2011/02/snack-sfizioso-di-ceci-alla-paprika.html

    @ Agnese: lo so, mentre le snocciolavo ho dovuto cacciare mio marito, oltre a resistere io stessa!

    @ lerocherhotel: speriamo che qualche membro legga il post ;-)

    @ Diletta: a me non andava, e la ricetta era semplificata ;-) ma ogni tanto l'ho fatto anche io!

    @ raffy: :-)

    @ Elena: beata te, io mi sono rilassata quando ho finito...

    @ viola: ora sono curiosa di vedere la tua scelta :-)

    @ rosita: che gentile sei, sempre :-)

    @ Stefania: sicuro. Ma non bastera' la vita!

    @ Sabrine d'Aubergine: e ce lo farai vedere, il tuo cobbler?:-)

    @ Zia Elle: mille grazie ;-)

    @ eli: ti capisco. Raramente, ma succede anche a me ;-)

    @ Ramona: anche io!!! e' tutto una ciliegia :-)

    @ Monica-Un biscotto al giorno: oddio, ammetto che l'eccesso di burro mi piace eccome :-) ma capisco che a qualcuno possa dar fastidio. Via di cobbler, allora.

    RispondiElimina
  81. Sei sempre una grande!!! Adoro le tue acute osservazioni che denotano un'intelligenza non da poco e mi dispiace di poterti seguire in maniera incostante perchè dall'ufficio ora non ci fanno più connettere...oggi mi sono sciroppata mesi di ricette arretrate e sono una più favolosa dell'altra, oltre alle sane risate che mi sono fatta! Brava, brava, brava!!!!

    RispondiElimina
  82. Mi domando come mai non c'è il TUO libro nelle biblioteche e nelle librerie!!!
    Io m'immagino nel tardo pomeriggio seduta al bar della piazzetta, in una zona tranquilla di Rimini (sempre che ci si vada prima delle 19:00), a leggere tutto ciò che hai scritto qui, sorseggiando una birra... sarebbe uno dei piaceri quotidiani! :D

    RispondiElimina
  83. No ma ci rendiamo conto vero??? Un carrello pieno!!!!
    Aspetta che prendo Ale e da Piazza Campetto con Van Gogh in mano ti raggiungiamo per darti una mano con i numeri che non sei riuscita a portarti a casa!
    Come dici, manca qualcosa? No, guarda ti sbagli, è il caldo che ti fa vaneggiare.

    Per il resto, adoro il cobbler, adoro quel che scrivi (e come lo scrivi) e ringrazio tua mamma per averci regalato una persona come te.
    A lei questo cobbler piace sicuramente! ;-)

    RispondiElimina
  84. Il delizioso cobbler di ciliegie mi mancava! Di' un po', ma la bibliotecaria belligerante quante volte ti ha visto sgraffignare le riviste per mollarti li' un carrello pieno?! :)
    (chissa' quando anch'io riusciro' a menzionarla serenamente..)

    RispondiElimina
  85. Hai Dear

    This looks yummy....you have a lovely blog...Please check out my blog..It is for food lovers and person who love to cook..You could find so many recipes that you can easily try at home..I update this blog on a regular basis…So please follow me and motivate me..Thank you
    http://yummytummy-aarthi.blogspot.com

    Aarthi

    RispondiElimina
  86. anch'io voglio tutte le facce di marta stewart che mi guardano in cucinaaaaaaaaaaaa!!!
    alla faccia della bibliotecaria che non assaggerà nemmeno una e dico una delle tue creazioni! avrà avuto mille volte la possibilità di sbirciare! come ha fatto a non farlo???
    pazza!
    complimenti, questo dolce è un trionfo goloso! ci sta proprio bene come inizio estate! :)

    RispondiElimina
  87. Sarà un piacere per essere più un seguace del tuo blog. L'ho trovata per caso, cercando in internet, ma è stato un buon enmcontrar surppresa così bella e blogging blog così bello!
    Visita il mio blog: http://kibe-cozinhandocomamigos.blogspot.com/
    e conoscere un po 'di cucina brasiliana.

    bacio

    Luiz

    RispondiElimina
  88. ma che divertenti i tuoi post! il clobber è, per me, una novità e sono molto felice di scoprire nuovi piatti! Sembra ottimo!

    RispondiElimina
  89. L'idea di questo incrocio è ottima, il tuo racconto anche di più.. ho sorriso per la bibliotecaria e una piccola stretta per quell'ultima riga, che dedica alla tua mamma ancora un po' di dolcezza
    Brava

    RispondiElimina
  90. @ Alice: secondo me quando mi vede la vorrebbe indossare eccome :-)

    @ fantasie: farò del mio meglio. E se vuoi proporre un gemellaggio..:-)

    @ Titti@CuisineOblige: provalo...di persona, e vedrai che bella scoperta!

    @ EliFla: quello è il primo che abbia mai assaggiato: un sogno!

    @ fragoliva: grazie...

    @ pips: vero che lo stampo è un amore? :-)

    @ Mari e Fiorella: che carine siete...

    @ Francesca_lasuafra: ho un terribile sospetto!!!

    @ ELy: grazie, mia cara!!!

    @ Giulia: ma no!!! le sto portando tutte a casa!!! figurati se butto un tesoro simile...

    @ Claudia: beh, ottima scelta ;-)

    @ Daisy: e sentirai che buono!

    @ sonia: :-)

    @ laroby: ecco, quindi conosci la rivista! Non è bellissima????

    @ ziacrostatina: bello si ;-)

    @ Aria: puoi farlo con la frutta che vuoi!!! anzi l'originale nasce con le pesche...

    @ Milen@: d'accordissimo.

    @ Glu.fri: visto, bellissimo il tuo gluten free!

    RispondiElimina
  91. Che spettacolo!!!! Vale la pena di snocciolare.. e poi.. e poi..godersi questa meraviglia!!!!
    Un bacione!!!!!

    RispondiElimina
  92. E non sono più anonima...pappappero....prendo una fetta (storta) e scappo, hihihihi

    RispondiElimina
  93. Interessante questo dolci, oggi così ho imparato un'altra cosa nuova! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  94. Porca zozza che botta di c.... riviste di martha stewart che piovono nel deserto :)
    ne hai da farti passare le pause pranzo ora :)
    cobbler favoloso!

    RispondiElimina
  95. La battuta scugnizza in cambio di alcune verità per il quale rischio che qualcuno mi incendi di sana pianta...che dici si può fare?! :P ahahahhahaah

    RispondiElimina
  96. La sto provando nel forno....spero venga perchè ho avuto un pò di problemi con la crosta....non son stata attenta con la panna e mi era venuta trooooppo morbida mannaggia....ho cercato di aggiustarla vedremo domani mattina con la prova assagio!

    RispondiElimina
  97. credo che ci perderò la vista a leggerti così in miniatura. mma un corpo carattere normal noooooooo? a parte gli scherzi (mica tanto scherzi però) passo spesso a dare un'occhiata. mi affascina il tuo mondo e il tuo modo di descriverlo.ciao, grazia

    RispondiElimina
  98. Ma che mito!!!
    Lo provo subito, non vedo l'ora di sapere di cosa sa...Che fantastica la tua bibliotecaria, con un regalo così certo che non può essere che una persona magnifica...
    Buona Domenica

    RispondiElimina
  99. @ Micaela: grazie!

    @ gloria cucè: vero, ma avevo troppa vogli di inaugurare la teglia nuova :-)

    @ Letiziando: lo dico sempre che l'apparenza inganna...

    @ piccoLINA: ho visto, siete diverse a voler smaltire la carta in eccesso...

    @ Onde99: per carità. I cassonetti ormai possono essere molto fashion...;-)

    @ Mammazan: per carità, non volevo scatenare invidie, solo mettervi a parte di una gioia inaspettata :-) grazie delle parole sempre gentili!

    @ titty: non posso mentire, è ottimo!

    @ Cleare: no, super Martha non è famosa per ricette dietetiche...

    @ Bucaneve: troppo buona...

    @ Barbara: e chi lo sa, magari sarebbe una punizione! :-)

    @ Muscaria: potrei accettare uno scambio, ehm, onesto con il Van Goch...:-)))bacio;-)

    @ Katia: soprattutto chiedimi quanti pasticcini ha sgraffignato lei...

    @ Aarthi: thanks :-)

    @ Le ricette dell'Amore vero: semplicemente odia cucinare!

    @ Luiz Claudio: grazie e benvenuto!

    @ giovanna burro e alici: mille grazie!

    @ Cinzia: ti abbraccio :-)

    @ Lory B: vale, vale!

    @ Pamirilla: rieccoti! mi fa paicere :-)

    @ sississima: grazie a te ;-)

    @ terry: ne ho eccome ;-)

    @ Gambetto: uhm..vediamo...io se fossi in te starei attento...;-)

    @ Mamma Nuvola: com'è andata alla fine?

    @ Grazia: ma io non lo vedo piccolo, anzi...l'ho impostato apposta un po' più grane!

    @ Cinzia: diciamo che è meglio di quel che sembri ;-)

    RispondiElimina
  100. Ciao , sono Piera. Sono felice di aver visitato il tuo blog e di fare la tua conoscenza. Complimenti vivissimi. un caro saluto.
    Piera
    http://cucietaglia.blogspot.com/

    RispondiElimina
  101. Che meraviglia questo dolce, grazie, dato che ho letto la ricetta solo ora, proverò a prepararlo con le pesche o le albicocche, penso che i miei cari lo gradiranno moltissimo. Il racconto che ci hai donato su questa tua esperienza di vita è stato simpaticissimo, particolarmente quando ci hai descritto la bibliotecaia. Un saluto affettuoso
    M.G.

    RispondiElimina
  102. Grazie a te , vedrai che buono anche con altra frutta!

    RispondiElimina
  103. Ciao bella, ho menzionato la tua ricetta in un post sulle ciliegie qui http://www.milanolovesfood.com/2012/06/laspetto-piu-brutto-nel-farsi-un.html, bravissima è davvero stupenda!

    RispondiElimina

Leggi i post precedenti: