lunedì 15 settembre 2014

Concorsi a base di Like? NO GRAZIE!



Oggi, 15 settembre 2014, è stata organizzata una protesta contro quei concorsi in cui i vincitori non sono scelti da una giuria, ma sono decretati dai "Mi piace".
Se aderisci alla protesta, condividi questo post e, se hai un blog, pubblicane il testo anche lì.
Perché siamo contrari ai concorsi a base di LIKE?
- perché non premiano la bravura e la competenza;
- perché rappresentano per eccellenza l’anti-meritocrazia;
- perché sono la versione facebookiana delle lobby, del nepotismo, delle baronie;
- perché danneggiano anche l'azienda che vi si affida (che finisce per fare spam e non pubblicità).
Molto meglio una sana e golosa competizione a suon di mestoli, pentole e assaggi visivi, ma soprattutto… che vinca il migliore!

Diciamolo che non se ne può più.
Elemosinare pseudo voti per pseudo concorsi mi fa venire in mente solo una cosa.
Una pseudo bravura.
La gara a chi fa cliccare più gente è penosa, a dirne poco.
E quindi, facciamola finita.
Con un grazie infinito a Teresa De Masi per averlo finalmente detto a gran voce ed avermi coinvolta.

Leggi i post precedenti: