lunedì 25 ottobre 2010

Napoleone


Che nome roboante per un dolce, ho pensato la prima volta che l'ho mangiato ed ho chiesto come si chiamasse.
La richiesta di spiegazioni sull'origine e' stata fatta cadere nel vuoto, lasciando cosi' la mia mente libera di immaginare niente di meno che Bonaparte assaggiare la delizia, cadere in delirio per la bonta' e chiedere che gli fosse intitolato,  se non fosse che i trascorsi dell'imperatore francese in Russia non sono dei migliori e dubito che abbiano voluto dedicarglielo per fargli un piacere.
Quindi niente, la spiegazione deve essere un'altra, e mi e' balenata all'improvviso al termine dei sei mesi di duro lavoro per estorcere la ricetta alla legittima proprietaria.
Per la crema del ripieno era stato necessario addirittura un intervento di probabile natura divina, senza il quale dubito che ora starei qui a scrivere. Ma c'era l'impasto da fare, e la famosa volta che riuscii ad avere lumi sulla farcitura le sfoglie erano gia' pronte e stese a raffreddarsi.
Inutile raccontarvi il botta e risposta sugli ingredienti, mentre la signora russa sbatteva con le mie fruste la sua crema: cosa c'e' nelle sfoglie? Ma nulla, solo farina, burro e...ah si, acqua.
Avete mai provato il desiderio irrefrenabile di strozzare qualcuno che vi sta dando incommensurabilmente sui nervi? Ebbi l'impulso al solo sentire la risposta, perche' solo Dio, ed Allah, sanno a quante infinite combinazioni e risultati i tre ingredienti citati possano dare vita, dal sublime all'immangiabile passando per il mediocre.
E sfortunatamente a me serviva la sua perfezione. Che fare allora? Ma nulla, semplicemente un atto di forza.
Si infilano in una busta un panetto di burro, della farina, la mia bilancia ed a sfregio pure una bottiglia d'acqua, si indossa la migliore faccia di bronzo del proprio repertorio e si bussa  a casa della signora che malauguratamente per lei aveva piu' di una volta detto passa a prendere un te' quando torni da scuola...
Non credo che si sia stupita piu' di tanto, al vedermi sulla porta con la busta ed un sorrisone.
Sollevo' leggermente le sopracciglia solo alla vista della bottiglia d'acqua, ma me la cavai con una battuta,  non fosse mai che avesse iniziato lo sciopero della sete e non ci fosse stata piu' nemmeno una goccia d'acqua per impastare...
Basta, era alle corde. Ha tirato fuori quel ricettario che bramavo e che desideravo tanto rapinarle, se non fosse stato che la meta' delle ricette era in russo, e borbottando ha cominciato ad elencare gli ingredienti.
Verissimo, solo acqua, burro, farina e...succo di limone. Pare sia il segreto della straordinaria friabilita' della pasta, ed anche della sua resistenza. Si, perche' credetemi, questo dolce e' magico: un millefoglie che non e' un millefoglie, una crema che non e' una crema, una friabilita' che invece di due ore dura due giorni, un contrasto dolce/non dolce da Guinness dei Primati.
Non e' forse magia, questa?
Provatelo, e ve ne innamorerete. E' il dolce di quando voglio fare bella figura, e non c'e' volta che mi abbia tradito. 
E da ultimo, il nome: perche' Napoleone? Non ne ho ad oggi la piu' pallida idea, ma mi piace pensare che la mia personalissima campagna di Russia per carpire la ricetta sia andata molto meglio di quella del povero Bonaparte, e glielo dedico volentieri come rivincita ;-)

Questa ricetta va al consueto appuntamento con il calendario di Ammodomio.

NAPOLEONE

250 g di burro
400 g di farina
150 ml di acqua fredda (circa)
30 ml di succo di limone
una dose come questa di crema al burro e latte condensato

Per prima cosa unire il succo di limone all'acqua, e lasciare da parte.
Tagliare il burro freddo a pezzetti e lavorarlo con la farina sfregandolo tra le dita, in modo da ottenere uno sfarinato. Ora cominciare ad unire a poco a poco l'acqua con il succo di limone, impastando con le mani (o anche nel Kenwood, se volete, usando il gancio a K). Valutate se usare tutta l'acqua o no, dipendera' dalla vostra farina. L'impasto finale dovra' essere morbido ma non appiccicoso.
Dividere quindi l'impasto in 5 parti : 4 piu' grandi ed una piu' piccola.
Per comodita' vi dico che le palle piu' grandi devono pesare intorno ai 170-180 grammi.
Avvolgere ogni pallina nella pellicola e mettere in frigo per circa tre ore (o anche una notte, se preferite avvantaggiarvi con il lavoro).
Preriscaldare quindi il forno a 200 gradi, e prendere un panetto di quelli piu' grandi alla volta. Lasciarlo una ventina di minuti a temperatura ambiente, perche' torni ad essere lavorabile, e stenderlo su carta forno infarinata con il mattarello in un rettangolo di circa 25cm x 19cm, molto sottilmente:


Cuocere quindi la sfoglia per circa 10-15 minuti, in forno colorira' e si gonfiera' facendo le bolle, e' cosi' che deve essere.
Procedere allo stesso modo per le altre 3 sfoglie grandi, cercando di farle tutte uguali.
Se le stendete in anticipo, tenetele in frigo fino al momento della cottura, mi raccomando!
L'ultima pallina, a cui aggiungerete eventuali ritagli di pasta, va stesa sempre sottilmente ma non serve fare un rettangolo, dato che dopo la cottura andra' completamente sbriciolata.
Appena ogni sfoglia esce dal forno appiattire delicatamente con le mani protette da un guanto da cucina  le bolle, senza preoccuparvi delle briciole. Cercate solo di non rompere le sfoglie, o quantomeno di romperle troppo :-)
Far raffreddare le sfoglie completamente, ed intanto preparare la crema.
Cominciare quindi ad assemblare il dolce nel piatto in cui lo servirete, e' piu' comodo che spostarlo dopo.
Mettere una prima sfoglia sul piatto, e spalmare uno strato sottile di crema, continuare cosi' fino ad esaurimento delle 4 sfoglie grandi. Se riuscite, il dolce avra' un aspetto piu' carino se l'ultima sfoglia riuscite a metterla con  lo strato piu' liscio sopra, al contrario, per capirci, ma non e' fondamentale.
Coprite anche l'ultima sfoglia di crema, e spalmatene anche sui bordi.
Sbriciolate quindi la sfoglia piu' piccola ed usate le briciole per ricoprirlo completamente.
Conservare in frigo, ma tirare fuori una ventina di minuti prima di servirlo, in modo che la crema sia giustamente morbida.



NOTE:
- a differenza di qualunque altro millefoglie, questo non si inzuppa di ripieno e rimane friabilissimo anche due giorni.


133 commenti:

  1. Rimanere fulminata davanti al monitor di lunedì mattina è di sicuro quello che mi ci voleva per cominciare bene la settimana!!!!!
    Stefania già la crema mi aveva letteralmente conquistata e ora napoleone....
    un bacio

    RispondiElimina
  2. Splendido questo dolce!!! Molto particolare...
    Grazie per la ricetta, me la segno immediatamente :-)

    RispondiElimina
  3. Questo è una bomba in tutti i sensi!!!!!!! E ti ci vedo bene nei panni di Napoleone nella campagna...d'Arabia stavolta! Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  4. Come sempre i tuoi racconti cara Stefania sembrano usciti da un libro...penso che le persone più particolari si siano rifugiate in quella parte di mondo e che tu sia la straordinaria custode dei loro segreti culinari...Perchè la mia dirimpettaia a parte essere la proprietaria di un cane perennemente abbaiante non conosce qualche ricetta segreta da insegnarmi? Sulle scale del condominio a parte la puzza di cavolo che spesso esce dalla sua porta riesco mai ad odorare niente di buono(fino a quando entro in casa mia, fortunatamente)...non c'è giustizia....Questo dolce è da conservare per un giorno particolare che spero arrivi presto....Grazie cara, buona giornata....

    RispondiElimina
  5. mamma mia che meraviglia goduriosa e libidinosa...prima di poter affrontare questo dolce credo che dovrei digiunare a tempo indeterminato...o cmq non potrei proprio affrontarlo dopo un weekend di cioccolato e cinghiale in umbria...mi hai risollevato questo duro lunedì mattina...gnam!

    RispondiElimina
  6. Non preparo mai la classica millefoglie, perchè non mi avventuro nella preparazione della pasta sfoglia home made, ma questa ricetta mi apre un mondo ....

    RispondiElimina
  7. il tanto decantato Napoleone!!! e ora lo devo solo assaggiare!

    RispondiElimina
  8. L'aspetto è ottimo, chissà che buono!!!!

    RispondiElimina
  9. stefania mettiamoci d'accordo. io li perdero' mai i miei kg di troppo se tu continui a mostrarmi queste cose libidinose?? so io a chi dovrebbero mettere la censura:DDDDD

    RispondiElimina
  10. Brava Stefania uno dei tuoi classici complimenti :)

    RispondiElimina
  11. Napoleonico di sicuro questo dolce!
    gracisasss :* :*

    RispondiElimina
  12. Evviva!!! Quanto mi piace questo tuo dolce, me ne sono innamorata davvero:-)))

    RispondiElimina
  13. Piove e fa freddo,ma vedere un dolce del genere, fa venire il buonumore di sicuro.
    L'uso del limone nella pasta sfoglia è per me una piacevole novità.Grazie per aver condiviso con noi questa meravigliosa ricetta.
    Complimenti Raffa

    RispondiElimina
  14. Neppure io perderò mai i chili di troppo, anche perché sono golosa e vedere questo nettare mi viene voglia di farlo subito...e poi le tue foto...mi fanno impazzire, sono splendide...

    RispondiElimina
  15. Ohhh, alta pasticceria, anche perché non si fa in un sospiro, sono curiosa di provare questa sfoglia che non si inzuppa. Questa torta sarebbe la gioia di mio marito che ama la millefoglie e che io non faccio mai! Grazie di questa ricetta segreta! ti saprò dire:)
    buona settimana
    Pat

    RispondiElimina
  16. Lessi un libro dove venivano riproposti di continuo questi dolcetti in versione monoporzione e ricordo la salivazione a 1000! Ora la facciamo completa!

    RispondiElimina
  17. Veramente una battaglia, la tua!
    e che vittoria, poi!

    bravissima e grazie doppie per aver condiviso con il mondo, i segreti della tua cara amica russa. Alla faccia sua!
    ;-)

    RispondiElimina
  18. Con la sincerità di sempre ti dico che è dall'ultimo post che continuo a farci un pensierino sulla crema...ed ora anche sul dolce Napoleone...e proprio come quest'ultimo indegnamente ne imito una posa...mettendomi una mano nella giubba (del pigiama per me off-course) e con aria assorta e pensante (in realtà solo ebete) rifletto sul quantitativo di burro totale...meditando che prima che questo dolce sia anche la mia personale campagna di Russia del mio fegato devo approntare una strategia da grande generale...e cioè dieta povera di grassi per una settimana per poi...annegarmi nel 'millefoglie' ed in ciotole avanzate di crema degli Urali! :P eheheehehehe
    Grazie per l'ottima condivisione :)

    RispondiElimina
  19. Carissima, ti stavo aspettando con questa meraviglia!!! E' fantastico!

    RispondiElimina
  20. Encore une merveille de gâteau.
    Une précision : la crème au beurre : le lait est bien du lait concentré sucré?????
    Je n'ai pas oublié ton concours.
    Je cherche une recette assez originale.
    A bientôt.

    RispondiElimina
  21. Mai stato Napoleone cosi dolce.:-)

    RispondiElimina
  22. Araba, ci hai delizi la mattinata così, complimenti.

    RispondiElimina
  23. napoleone???????????????? mai sentito, ma davvero dev'essere una squisitezza solo da provare, anche solo per il nome così importante

    RispondiElimina
  24. Ummmmmm, che profumo di casa mia! Che ricordi d'infanzia;(( Mi hai fatto venire una bella nostalgia:)
    Bravissima, ti è venuto perfetto!
    Un bacione

    RispondiElimina
  25. I tuoi racconti di come ti sei procurata la ricetta mi fanno sempre morire dal ridere. Avrei voluto vedere la faccia della signora quando ha aperto la porta ;-)

    Questa sfoglia-nonsfoglia che non si ammolla sembra veramente una gran furbata...le sfoglie possono essere preparate e cotte con qualche giorno di anticipo?

    RispondiElimina
  26. tesoro nn ho nessun dubbio che questa meraviglia mi conquisterebbe al primo assaggio e adoro la tua faccia da bronzo e la tua tenacia quando ti metti qualcosa in testa perche poi queste ghiottonerei e condividi con noi:D!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  27. Ahahahah, ma che avventure!
    Direi però che ne è valsa davvero la pena, a giudicare dal risultato!
    Questo dolce mi sta facendo fremere e sognare, chissà che pasta!
    Mmmmmh grazie per aver condiviso con noi questa preziosissima ricetta!
    Buona settimana baci

    RispondiElimina
  28. aaaahhh..che goduria!il nome é proprio azzeccato!eheh..bravissima Stefi, un bacione e buon lunedì!

    RispondiElimina
  29. Wow!!! Stupendo!! Dalla tua descrizione mi hai fatto venire voglia di mangiarne una bella fetta!!! Che bontà deve essere.... poi quando si parla di millefoglie io di certo non mi tiro indietro all'assaggio!!

    RispondiElimina
  30. Hayırlı günler, ellerinize sağlık çok leziz ve iştah açıcı bir görüntüsü var.
    Bugün bloglardan seçmelerde kutsal sofranın cevizli kurabiye tarifi yayınlandı.
    http://gencalsabahattin.blogspot.com/

    Saygılarımla.

    RispondiElimina
  31. forse si chiama Napoleone perchè è l'imperatore dei dolci?
    Veramente appassionante l'avventura con la signora russa, insomma una guerra fredda!! :-)

    RispondiElimina
  32. oh mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa fameeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ;-)

    RispondiElimina
  33. Meno male che c'è sempre Stefanoa a risollevare il morale di lunedì!!!!SPETTACOLARE!!!

    RispondiElimina
  34. wow assolutamente da provare! grazie per averla condivisa con noi!

    RispondiElimina
  35. Favoloso questo Napoleone!!!...mi ispira tantissimo!...complimenti come sempre!!!

    RispondiElimina
  36. il est splendide et bien gourmand, j'arrive pour le déguster
    bonne journée

    RispondiElimina
  37. ma che meraviglia mia cara..una bomba calorica che con questo freddo si sposa a meraviglia!!!!!!!!!!!!
    ciao,de

    RispondiElimina
  38. Della serie: chi la dura, la vince!

    RispondiElimina
  39. Ottantamila calorie solo a guardarlo, ma ne vale la pena!

    RispondiElimina
  40. Ho trovato on line che "Napoleone" inteso come nome del dolce potrebbe essere una deformazione di "napoletano" ed in effetti il nome proprio Napoleone deriva proprio da quello.

    RispondiElimina
  41. mi fa troppo ridere la tua battaglia con la signora russa, peraltro una cuoca sopraffina a quanto pare!
    scene degne di "desperate housewives" quando Bree ruba il ricettario dell'amica, non sei arrivata a tanto ma immagino i sorrisini tirati :-D
    dopo tanta fatica non possiamo non provarla!!!
    Baci
    Francesca

    RispondiElimina
  42. Ohmnamma che golosità all'ennesima potenza....
    Baci e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  43. già ero morta di invidia a vedere la crema...ora mi presenti questo! aiutoooooooooooo!
    ci credo bene che volevi strozzarla, sembra irresistibile!

    RispondiElimina
  44. Amore a prima vista!!! La crema è veramente fantastica..questa volta provo a farte il dolce completo!! Ciao un bacione buona settimana. Spero in settimana di riuscire a postare la ricetta per il tuo contest

    RispondiElimina
  45. Mi diverte troppo la storia con la signora russa!!! Questo dolce è godurioso da impazzire, salivazione a mille!!!! La signora non si collega sul web, vero? Ciao.

    RispondiElimina
  46. mamma mia che spettacolo!!! deve essere squisito...golosissimo!!! bravissima!

    RispondiElimina
  47. Ah ah Stefania, stavolta hai trovato qualcuno che è riuscito a minare il tuo savoir faire?! :-) Che forza sei e che bontà sta torta.

    RispondiElimina
  48. un nome importante per un dolce davvero stupendo. mille complimenti... buon pomeriggio. Terry

    RispondiElimina
  49. che capolavoro....
    bravissima

    RispondiElimina
  50. Io adoro la millefoglie, ma quello che proprio non sopporto è quando diventa molliccia poco dopo, rompendo l'incanto!
    Assolutamente da rifare, e grazie per la costanza e la faccia tosta con cui ti sei procurata la ricetta!
    ...ma tu il russo ancora non lo conosci??? Chissà quante altre delizie nasconde il librone della borbottosa signora! ;)))

    RispondiElimina
  51. Carissima Stefania, ho avuto un colpo di fulmine per questo dolce. Inutile dire che finirà prestissimo sulla mia tavola.
    Poi ti faccio sapere senz'altro. Sei un genio!
    Come sai estorcere le ricette tu non le sa estorcere nessuno :)
    Un bacione e a presto

    RispondiElimina
  52. carissima, questo dolce è da svenimento!!! Non ho la più pallida idea del perchè si chiami Napoleone, ma se l'ha inventato il buon vecchio napoleone...beh, la sapeva lunga in fatto di dolci perchè è davvero superlativo! E tu sei bravissima, hai fatto un dolce davvero con i fiocchi! Altro che aiuto divino, tu ce l'hai nel sangue l'arte culinaria! :-)

    RispondiElimina
  53. Que fascinante receta, se ve sencilla y deliciosa.
    Saludos

    RispondiElimina
  54. delizioso!!!! e il fatto che rimanga friabile anche per un paio di giorni è una grande cosa perchè posso prepararlo il venerdi per il sabato sera!! lo proverò sicuramente! un bacio e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  55. Stefy questo dolce è magico anche alla vista :-D

    RispondiElimina
  56. Secondo me l'hanno chiamato Napoleone perché conquista... come il grande imperatore dei Francesi che sconvolse l'Europa suscitando ovunque ammirazione e stupore :-)
    Ti ringrazio di cuore per avermi fatto conoscere questo dolce così particolare e così stupefacente: un'amante della storia come me non potrà esimersi dal provarlo!

    RispondiElimina
  57. a Napoleone sono sicura,ma anche a me,una fetta,di questa splendida torta,andrebbe anche adesso!!è favolosa e golosissima!!brava^;^ se hai tempo e voglia,passa da me^;^ c'è una sorpresa che ti riguarda..baci

    RispondiElimina
  58. Ossignore! Ma si può cominciare la settimana con la bava alla bocca?

    RispondiElimina
  59. gran bel napoleone, a volte ci vuole diplomaziona con le persone, la soluzione della pasta è magnifica io per evitare che la millefoglie si inzuppi della crema, sciolgo del cioccolato bianco e ce lo spennello sopra che crea uno strato impermeabile (ci vorrebbe del burro di cacao)funzione per 24 ore più o meno insomma un po', ciao :-))

    RispondiElimina
  60. oh che delizia! mi piace tantissimo leggere i tuoi post, chissà se magari un giorno pubblicherai un libro con tutti ituoi aneddoti. un bacione

    RispondiElimina
  61. Carissima Stefania, bastava andare dalla Rossa per scoprire il "perché"! :-))) http://www.rossa-di-sera.com/2010/03/torta-napoleon.html
    La tua è bellissima!
    Un bacione

    RispondiElimina
  62. beh, a me è sempre piaciuto immaginare napoleone e paolina che si gustavano con le forchettine d'argento una fetta di questa meraviglia sulla chaise longue in qualche residenza estiva...
    finalmente lo hai postato così posso confermare quale delizia sia questo dolce... l'ho provato con tanti ripieni diversi ma come viene con la crema al burro e latte condensato niente altro... un abbraccio!

    RispondiElimina
  63. ottimo unire la crema alle sfoglie esce fuori un dolce delizioso! e brava la russa voleva tenere tutta per sé questa splendida ricetta? brava araba fenice la tua campagna è andata molto meglio di quella di Napoleone! :)

    RispondiElimina
  64. che bomba!! qualsiasi cosa tu sforni è superlativa!!

    RispondiElimina
  65. ...ora son rimasto curioso davvero!!!
    Voglio sapere perché si chiama Napoleone!!!
    ahahaahahh

    RispondiElimina
  66. Questo dolce è superlativo,grazie Stefania.

    RispondiElimina
  67. Per fortuna con te non ci annoiamo mai, non solo ci racconti storia simpaticissime ma ci fai anche conoscere pietanze e dolci nuovi ed internazionali fantastici, grazie e bravissima!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  68. E' un piacere leggere il tuo racconto fresco e spontaneo su come sei riuscita a carpire la ricetta.Te ne sono grata,perchè Aleh,il mio "bambino" russo di 25 anni,ogni volta che viene a casa in Italia,si mette in cucina e ci prepara questa torta ma ahimè...non riesce mai come dovrebbe,,,lui fa ad occhio ed io ho sempre desiderato impararare la ricetta con le dosi e la procedura giusta.Quindi mi hai fatto un grande regalo e quando Aleh tornerà a casa,potrò fargli una graditissima sorpresa.Grazie e complimenti per la tenacia e la maestria nell'eseguire questo dolce non facile.Un abbraccio

    RispondiElimina
  69. il candido colore della neve è lo stesso ma di sicuro tu ti sei portata acasa una gran bella vittoria!!!

    RispondiElimina
  70. Questo dolce è paradisiaco!! Non so perchè, ma... ne immagino il sapore!!!!!
    Non vedo l'ora di provarlo, naturalmente dopo la parentesi macabra di Halloween!!!
    Un bacione grande!!!

    RispondiElimina
  71. Buongiorno arabina!! :)
    Oggi il nostro blog compie un mese e abbiamo deciso di festeggiare lanciando il nostro primo contest "Ricrea la ricetta". Partecipare è facilissimo, basta fare una nostra ricetta, scattare una foto e mandarcela! Trovi tutte le istruzioni qui http://whitedarkmilkchocolate.blogspot.com/2010/10/il-primo-contest-delle-cioccolatine.html
    Ci piacerebbe molto se partecipassi!!
    Marzia, Giovanna, Laura

    RispondiElimina
  72. complimenticomplimenticomplimenti.....mi viene una gran voglia di farlo....

    RispondiElimina
  73. @ Cristina: guarda e' un dolce splendido, non perche' lo abbia fatto io ma merita davvero!

    @ Felix: grazie a te, effettivamente e'abbastanza inusuale :-)

    @ Federica: un po' bomba si, ma si mangia con moderazione...(forse) :-)))

    @ Chiara: magari lo fa solo per sviarti, in realta' sta cucinando roba buonissima che non vuole che tu veda (o senta) !

    @ giady e kia: beh con il cinghiale non so, ma dopo le salsicce io l'ho mangiato eccome!

    @ Milena: fidati, viene fuori una cos spettacolare, e con un lavoro minimo rispetto alla sfoglia classica...

    @ Giovanna: chissa' se riusciro' mai a fartelo!

    @ Zia Elle: divino, posso dirlo anche se l'ho fatto io???

    @ Genny: per fortuna gli arabi sono un popolo golosissimo, penso rimarro' on line ancora per un po'...;-)

    @ Francesco: grazie mille!

    @ cinzietta: ahahhaahaha, baci!

    @ Dada: io ne sono letteralmente pazza, invece :-)

    @ Raffaella: vedrai, queste sfoglie con il limone sono magiche!

    @ Tamtam: ma mica devi mangiarlo tutto tu, ed un pezzetto cosa vuoi che ti faccia? ;-)

    @ Patricia: in un sospiro no, ma nemmeno ci sono giurni di lavoro dietro. Diciamo fattibile senza impazzire ;-)

    @ Elga: mmmhhh monoporzione non l'ho mai fatto, ma mi stai tentando!

    @ Gaia: alla faccia sua, e per le nostre pance :-)))

    @ Gambetto: come dicevo prima mica te lo sbafi da solo, questa dose basta per 8-10 persone tranquillamente. Ed anche se non ti conosco di persona ti sto immaginando in posa napoleonica...:-))))

    RispondiElimina
  74. Solo per il nome è da farsi (io Napoleone lo adoro, perché lui adorava a sua volta i cani e un uomo che ama i cani non può che essere una persona per bene), solo che io per le cose stratificate e composite sono un po' torda, oltre a trovare il tempo di prepararlo dovrei trovare anche quello di andare in meditazione, tipo quei 45 minuti prima di iniziare, per evitare di eprderci le staffe...

    RispondiElimina
  75. @ giulia pignatelli: grazie mille!

    @ Nadji: thanks a lot, and the milk is the one with sugar. I wait for your recipe ;-)

    @ Lilly: parole sante ;-)

    @ Fabiola: e voi deliziate me con questi commenti carini, grazie!

    @ blunotte: credimi, e' una vera bonta' :-)

    @ Oxana: detto da te il complimento vale doppio, grazie ;-)

    @ elenuccia: puoi impastare e tenere le sfoglie CRUDE in frigo anche qualche giorno prima, ma la cottura consiglio di farla il giorno stesso, in modo da assicurarsi una bonta' e friabilita' da favola ;-)

    @ dolci a gogo: comincio a pensare che quando voglio ardentemente una ricetta divento pericolosa :-))))

    @ meggY: si, e' valso tutto il lavoraccio per estorcerla!!!

    @ NIGHTFAIRY: grazie, ricambio il bacione!

    @ Tery: e credimi che questo sul millefoglie classico vince 10 a zero...

    @ Fuat Gencal: grazie come sempre :-)

    @ valerioscialla: e chi lo sa, la spiegazione e' plausibile ;-)

    @ Cindystar: Cindy, assolutamente non cercare di resistere, fidati!!!

    @ Cuoco personale: fidati, se arrivi a questo dolce con troppa fame te lo finisci da solo, e poi non voglio lamentele dal tuo fegato...;-)

    @ Saretta: ma grazie!!!

    @ federica: grazie, e ne vale davvero la pena!

    @ Vanessa: grazie mia cara!

    @ Fimere: should I wait for you ?;-)

    @ Daisy: una bomba se te lo mangi sola...diviso con altri e'...una bombetta ;-)

    RispondiElimina
  76. @ ELel: mai fu piu' vero!

    @ l'economa domestica: interessante come spiegazione, grazie!

    @ Acquolina: vero, ma non sono ancora arrivata a tanto :-)))

    @ Simo: grazie ed altrettanto a te :-)

    @ Alice: facevo bene, in caso, vero???? :-)

    @ Le pellegrine Artusi: se la crema e' piaciuta devi assolutamte provare come sta qui...

    @ lori: anche se lo facesse poco importa, non solo non abita piu' qui da me ma nemmeno siamo rimaste in eccellenti rapporti...;-)

    @ raffy: effettivamente non posso negare che lo sia ;-)

    @ Chez Denci: ma non le sono saltata al collo per strangolarla, quindi considero il savoir fare conservato :-)))

    @ terry982: grazie, provalo se ti va perche' merita!

    @ chiara: grazie!

    @ dadamilla: il russo effettivamente manca all'appello ma dato che la signora non vive piu' qui non ho piu' lo stimolo a studiarlo...;-)

    @ viola: eheheehe estorsione senza reato, per fortuna!!

    @ Mirtill@: grazie, che gentile!

    @ jose manuel: grazie anche a te!

    @ Sara: se lo preparassi venerdi' sera sarebbe meglio ;-)

    @ Ago; si, anche a me piace tanto il suo look!!!!

    RispondiElimina
  77. @ Lucia: ma che gentile, e vedrai che se lo assaggi...passera' alla Storia ;-)

    @ Elisabetta: grazie mille!

    @ Carlotta D: ma si, che male c'e' :-)

    @ Gunther: conosco quel trucco ma non l'ho mai usato. Vedrai ch qui non serve ;-)

    @ sweetmaremma; un libro forse e' troppo, credo che il blog basti e avanzi :-)))

    @ Giulia: pensa che ricordavo che l'avevi postato ma non la spiegazione!!!

    @ Cristina; anche secondo me cosi' e' assolutamente a perfezione :-)

    @ Gio: si, diciamo meno neve tra casa mia e casa sua :-)

    @ Valeria: grazie!

    @ zio Piero: eheheheeheh ;-)

    @ maria61m: grazie a te, piuttosto!

    @ gloria cuce': troppo buona, grazie!

    @ Antonella-Vera55: ma dai, la ricetta porta ad una azione bella come la tua...sono davvero contenta, grazie per avermelo detto!

    @ Fabiana; ebbene si ;-)

    @ Lory B: paradisiaco e' poco, credimi...

    @ Marzia: verro' a dare un'occhiata, ciao!

    @ Onde99: alla fine e' meno composito e complicato di quel che sembri, e giuro che il risultato vale la pena. E condivido il giudizio su chi ama i cani, ed aggiungo i gatti :-)

    @ Fiorella 72: fallo e non ti pentirai ;-)

    RispondiElimina
  78. perfetto! abbiamo capito il trucco per far spifferare tutto alla russa!
    nel caso oppone resistenza fai un fischio credo che saremmo in tante a correre in TUO (e nostro, per aver avuto un'altra ricetta deliziosa) aiuto, ci puoi scommettere! ;-)
    un dolce sicuramente divino, brava!

    RispondiElimina
  79. Tesoro, ieri ero in preda ad un mal di denti pazzesco (avevo proprio un'infezione!),non ho dormito tutta la notte dal male e la mattina ho visto il tuo post! ero troppo fuori di me per rispondere (non vedevo l'ora di tornare dal dentista perchè mi facesse l'anestesia e mi passasse il tormento) ma ti assicuro che sei riuscita, nonostante il dolore, ad estorcermi più di un sorriso! Ora che sto meglio, anche se ancora fatico a masticare, sto materializzando l'idea di farmi questo dolce nel weekend per compensare 2 giorni di digiuno...è veramente fantastico e la crema, da tuffarcisi dentro! Ma dove le trovi queste meraviglie di ricette? ah, beh, nel deserto, dimenticavo...e neanche tanto facilmente...però ne vale proprio la pena, eh????:-9

    RispondiElimina
  80. Per ora la gravidanza mi ha già regalato 8Kg... se mangio questa bontà... mi sa che la bilancia suona l'allarme rosso!!! la divoro con gli occhi così dovrebbe essere più leggera nooo?? Complimenti!! Ciao

    RispondiElimina
  81. Le foto la dicono lunga! E' un dolce abbastanza popolare dalle mie parti,sono sempre rimasta molto incuriosita' dal nome...
    A presto!

    RispondiElimina
  82. Dolce fantastico, degno dell'imperatore !!!
    Ci stupisci sempre con le tue peripezie...
    "araba agente segreto infiltrato in cucina "

    Un bacione dai viaggiatori golosi ;)

    RispondiElimina
  83. alla faccia! dolce strepitoso!!!!! e poi con una bella danza del ventre smaltisco tutto :-) certo che le vicine interessanti capitano solo a te :-) ciaoooo

    RispondiElimina
  84. @ Betty: contaci!!!

    @@@ Aria in Cucina @@@: mi spiace per il mal di denti, ma certo una fettina di questo potrebbe essere un'ottima cura...;-)

    @ il ramaiolo: allora spero che non ti venga alcuna ...voglia ;-)

    @ Edith Pilaff: se vivessi in un posto dove questo dolce fosse molto comune peserei 200 Kg :-)

    @ I VIAGGI DEL GOLOSO: ahhh una specie di spia, stavolta! :-)

    @ Ely: no, e' che purtroppo sono io che capito a loro...:-))))

    RispondiElimina
  85. di una goduria...di una goduria...che lo proverò subito...venerdì sono a cena a casa di suocera e cognata....DEVO FARE BELLA FIGURA NO???? Meno male che esistono persone come te che svelano i loro segreti in cucina e li condividono con le amiche... ;-)

    RispondiElimina
  86. mmm che golosità!!
    eheh come abbiamo iniziato a leggere abbiamo subito sospettato che "l'avara di ricette" fosse la signora russa dell'altro post :D

    RispondiElimina
  87. ecco questo è uno di quei dolci che ho nel cassetto da mooooolto tempo..mi h sempre incuriosito la sua preparazione..mi sa che è arrivato il momento di farlo....dev'essere troppo buono!!..oh ma le persone con le ricette strane le trovi tutte tu??...Bravissima Stefania!!

    RispondiElimina
  88. E' un dolce veramente curioso... farcito con i tuoi racconti poi è irresistibile ;-)
    ciao fico&uva

    RispondiElimina
  89. Stefania, ed io che mi stavo perdendo questo capolavoro.
    Per una come me che odia la pasta sfoglia comprata ed inzuppata, è una chiccheria!!

    RispondiElimina
  90. Complimentissimi per la ricetta, che farò questo weekend, una sola domanda:
    che tipo di farina conviene utilizzare?

    Ciao.

    RispondiElimina
  91. @ Elena: allora fammi sapere se fa fare bella figura anche con le suocere ;-)

    @ labandadeibroccoli: eheheheeh ebbene si!

    @ Morena: guarda, credo proprio che e' un dolce che potrebbe piacerti.Spero avrai voglia di dirmi che ne pensi, se lo proverai :-)

    @ Fico&Uva: di sicuro non e' visto e stravisto, ma soprattutto non ho mai trovato qualcuno a cui non sia piaciuto !

    @ Lydia: mi ricordavo che condividiamo questa idiosincrasia. Credimi, qui e' tutta un'altra storia!!!

    @ Daniele: ciao! ho utilizzato banalissima farina 00 :-)

    RispondiElimina
  92. complimentissimi!!!!!!!!!!!!!!sempre grande!!!!!

    RispondiElimina
  93. aono parisa,Iraniana
    Anche in Iran questo dolce si chiama Napoleone.
    Grazie da 20 anni che non lo mangio uno di questi giorni lo preparo e ti faccio sapere

    RispondiElimina
  94. @ Federica: ma grazie!

    @ parisa: che piacere, grazie. Spero sara' come quello che ricordi :-)

    RispondiElimina
  95. L'ho fatto...è una goduria! mio marito è estasiato...e poi viene bella croccante, come da pasticceria....dieci e lode!

    RispondiElimina
  96. Grazie Aria, il dieci a lode a te che l'hai replicato. E se te ne avanza un pezzetto a domani, vedrai come sara' ancora croccante...un bacione!

    RispondiElimina
  97. caspita ci vorrebbe adesso una mega fetta di questa delizia..per sollevarmi un pò!!complimenti..è sempre un piacere passare nel tuo blog!ciao!

    RispondiElimina
  98. La cosa bella è che tu sperimenti ed io....replico, si poteva dire copio, ma perchè usare quell'orrenda parola quando posso sceglierne un'altra?!!
    Anche questa volta( come quella del caramello che non si solidifica, quella degli zuccherini...) ho dunque replicato i tuoi esperimenti, ancora una volta con successo!
    Unico problema, io replicherei ben di più, ma non so per quale ragione, pur essendomi da tempo segnata tra i tuoi followers o vengo a caccia o...niente...perchè proprio a me, oppure sono io che faccio disastri a nastro?!!
    Bacissimi, Fabi

    RispondiElimina
  99. @ Federica: te la offrirei volentieri, credimi :-)

    @ Fabiana: quindi hai rifatto il Napoleone, sono contenta!!! Se puo' consolarti anche io non ricevo spesso gli aggiornamenti dei blog che seguo...:-(

    RispondiElimina
  100. Ho fatto,è ottimo anche più buono di quello che ricordo...
    Tutta la fmaiglia ha mangiato e ha fatto bis.
    A casa mia una cosa rara che tutti mangiano tutto!
    Penso devo lavorare meglio la crema...
    con questa scusa rifarò

    RispondiElimina
  101. Ma dai, sono contentissima!!! E la scusa della crema e' ottima per poterlo rifare presto...ciao e grazie!

    RispondiElimina
  102. Ciao
    Ho trovato anche queta versione
    http://www.panshinspace.com/cooking/russian-napoleon-cake.html
    Ormai mi ha preso Napoleonemania
    Buon Week end

    RispondiElimina
  103. Eh si, on line ce ne sono tantissime.
    Provarle tutte non e' affatto male, vero? ;-)

    RispondiElimina
  104. Stefania volevo chiederti se si può conservare in freezer..ho un pranzo domenica della settimana prossima ma lo potrei fare al massimo venerdì perchè sabato sono via..Grazie!

    RispondiElimina
  105. Ciao Morena, non te lo consiglio...avrei paura che scongelandosi perderebbe la sua tipica friabilita' e croccantezza.
    A presto :-)

    RispondiElimina
  106. Peccato..mi tocca rimandare alla prossimaoccasione..Grazie Stefania!

    RispondiElimina
  107. Stefania,sto seriamente pensando di farti un monumento :)
    Arrivo qua, curiosa di leggere la ricetta dei biscotti con la maionese....mi incuriosisco con la "ricetta segreta", vengo a leggere e rimango a bocca aperta, per la bellezza di questo dolce!!
    Ma con te , non si finisce mai di stupirsi...
    Inutile dire, che ti rubo anche questa ricetta,però ti lascio un bacio in cambio :)
    Ciao e grazie per avermi fatto iniziare così dolcemente...questa nuova settimana!
    Aurelia

    RispondiElimina
  108. Un bacio in cambio di una ricetta lo accetto piu' che volentieri, e ti ringrazio.
    Spero mi farai sapere se lo proverai!
    E per il monumento aspettiamo, va'...:-)))

    RispondiElimina
  109. Ciao carissima...la voglia di fare questo dolce è tanta..l'altra volta mi è andata male per i tempi..ma ho letto le note..dici che rimane friabile per 2 giorni..sul serioo????..cioè se io la faccio sabato mattina, lunedì pomeriggio è ancora buona?...e se invece preparo sfoglie e crema sempre sabato ed assemblo lunedì è fattibile??...daiii..dimmi di sììì..accidenti sono via sempre dal sabato pomeriggio al lunedì a pranzo ed ho la festicciola lunedì pomeriggio...Bacini!!!

    RispondiElimina
  110. Sarebbe meglio se le sfoglie le facessi sabato sera, mentre la crema non puoi farla in anticipo, perchè in frigo indurisce e perde la consistenza meravigliosa che ti consente di spalmarla per bene.
    Non assemblerei il dolce da sabato, perchè la prima volta si merita di essere gustato al meglio...:-)

    Baci anche a te!

    RispondiElimina
  111. Grazie cara..già il fatto di poter fare la sfoglia sabato mi salva..perchè da sabato pomeriggio fino a lunedì a pranzo non sono a casa..la crema si fa presto a farla...grazie ancora baci baci!
    Morena

    RispondiElimina
  112. dopo anni rivedo questo dolce e foinalmente capisco il "metodo estorsivo" usato con la tua amica, Galina mi pare?!

    Un abbraccio immenso da Rastamamma

    RispondiElimina
  113. @ Morena: fammi sapere, eh!

    @ Rastamamma: eheheheheh ricordi bene ;-)

    RispondiElimina
  114. fatto...mangiato e postato...qui!!

    http://mentaecioccolatoblog.blogspot.com/2011/02/una-torta-delicatissima-con-un-nome.html

    RispondiElimina
  115. la ricetta sembra super e mi sono lasciata conquistare e la sto provando ma.....
    .... la sfoglia non è venuta poi così sfoglia ma più un biscotto friabile!!!! aiuto, dove ho sbagliato????

    RispondiElimina
  116. Non capisco bene, ma le bolle ti sono venute in cottura?

    RispondiElimina
  117. poche poche.... ho prvato a mettere al forno una sfoglia comprata e li è venuta fuori una grossa bolla, ed infatti alla fine risultava tutto più friabile!!! la ricetta l'ho seguita passo passo... non sò proprio dove ho toppato!!!
    grazie comunque, tu sei bravissima!
    francy

    RispondiElimina
  118. Ma se ha fatto delle bolle allora era riuscita!!! Ha una consistenza molto diversa dalla sfoglia comprata, e' piu' "solida" diciamo.
    Per far fare piu' bolle la pasta deve essere ben fredda ed il forno bene caldo, questo e' l'unico segreto.
    Peccato, se ti va di riprovare...perche' credimi, non c'e' paragone con la pasta sfoglia normale! Ciao e grazie :-)

    RispondiElimina
  119. Cercavo un dolce ispirato al grande Napoleone...e trovo questa torta veramente singolare....spero di riuscire a farla...grazie..sembra proprio buonissima

    RispondiElimina
  120. Forse è il mio dolce delle feste preferito :-)
    Spero piacerà anche a te!

    RispondiElimina
  121. Salve!Mi rendo conto che rispetto alle prime mail di complimenti che compaiono qui io sono davvero in clamoroso ritardo....ma meglio tardi ke mai! :-)) Complimenti!!! Ricette fantastiche!! In particolare (dall'estate scorsa) mi sono appassionata a questo tipo di crema. Ne ho trovata una versione con mascarpone che aimè non è riuscita come doveva, questa la proverò prestissimo!FANTASTICO questo dolce, lo offrirò alla prima occasione "di riguardo". L'impasto poi sembra davvero migliore della solita sfoglia!Grazie! Non vedo l'ora di provare...mi sa che invento un occasione per avere la scusa di assaggiarla!!!
    a presto
    Nadia

    RispondiElimina
  122. Grazie Nadia!
    Anche io cerco sempre scuse per fare le ricette che mi piacciono :-)

    RispondiElimina
  123. Ciao Stefania, erano settimane che volevo fare questa torta e finalmente sabato ci sono riuscita. Ma questa è la pasta brisè non sfoglia, scusa se mi permetto di corregerti. E' venuta buona, ma troooooooopo dolce, Stefà....P.S ti è venuta mai in mente di andare a Zelig? Scherzo. Però è vero che hai un umorismo che mi fa morire, molto piu divertente di certi in tv.

    RispondiElimina
  124. Certo che non è pasta sfoglia ( e a dire il vero non è nemmeno briseè classica ;-) come sfoglia intendo lo strato di pasta.
    Mi spiace che non sia stata di tuo gradimento...ma grazie per averla provata e delle parole gentili :-)

    RispondiElimina
  125. E beh, le meriti. Sei simpatica, gentile e sempre disponibile cosa che non è da tutte. Quanto alla sfoglia, scusa ma non avevo capito. Come ti ho detto un altra volta sono straniera perciò a volte mi capita di prendere una cosa per un' altra. Aproposito anche dalle mie parti si usa offrire al ospite per onorarlo la coda oppure la parte posteriore del pollo. Dovrebbe essere una usanza dei mussulmani.Mah...Senti, o meglio dire leggi, ti posso scrivere una ricetta di un dolce mio, cioe albanese? lo faresti?

    RispondiElimina
  126. Ricevo sempre volentieri una nuova ricetta!
    Mandamela via email ;-)

    RispondiElimina
  127. Fatto. Se ho fatto errori ortografici scusami.

    RispondiElimina
  128. Il motivo per cui si chiama Napoleone e' spiegato qui: http://www.rossa-di-sera.com/2010/03/torta-napoleon.html

    RispondiElimina
  129. Ciao Stefy, vorrei fare questo dolce per domenica, ma che dici posso farlo sabato pomeriggio per poi mangiarlo domenica? Se non ho capito male rimane friabile per più giorni, quindi non ci dovrebbero essere problemi, ma tu che cosa ne dici?? Grazie Stè!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ci sono problemi, sarà ancora ottimo :)

      Elimina
    2. Grazie Stè, troppo gentile,ti farò sapere come è andata!! Ciao, a presto.

      Elimina
    3. Grazie Stè, troppo gentile,ti farò sapere come è andata!! Ciao, a presto.

      Elimina

Leggi i post precedenti: