lunedì 20 settembre 2010

Tarte di cioccolato e lamponi


Vi ricordate i sibillini 25 g di glucosio che menzionavo in questo vecchio post?
La disperazione che scaturi' dal non poter completare il dolce che vedete oggi fece materializzare dal nulla, o dal poco ad essere buoni, una bilancia animata che da un paio di settimane e' diventata compagna fedele in attesa di essere sostituita da una piu' fascinosa pella pilancia tetesca.
Perche' non c'e' niente da fare, la pasticceria e' una scienza esatta.
Saro' anche esagerata, ma dubito che Michel Roux pesi tutto ad occhio quando c'e' da impastare una brisee, o una sucree, rischierebbe di contendere la fama a quella vicina che avevo quando vivevo ancora con i miei e si ostinava imperterrita a farci partecipi delle sue sessioni culinarie.
Peccato non avere foto, ma ci fu una serata memorabile in cui mia sorella mostro' a noi altri seduti a tavola che la torta che la signora ci aveva appena regalato aveva bisogno del martello per essere tagliata in tranci.
La disdegno' anche il cane, e da uno che si mangiava contento pantofole, tappeti e, scusate la poesia, andava matto per la  cacca del gatto non e' un messaggio da sottovalutare...
Piu' di recente, durante la recente vacanza italiana, non mi sono potuta sottrarre ad un invito che sapevo sarebbe stato una calamita'. La conoscente in questione ritiene di essere degna di un numero sconfinato di stelle Michelin, e se lo dice da sola ad ogni boccone delle sue terrificanti preparazioni.
Ok, non facciamola tanto lunga, in Italia e' difficile mangiare proprio male. O meglio, si rimane insoddisfatti, scontenti, magari anche arrabbiati a seconda delle situazioni, ma avvelenati per fortuna succede di rado.
E poi, che sara' mai, sara' solo il caso di prendere poco di tutto, e piluccare con educazione il resto.
Sembra facile, eh?
Sta per servire il primo piatto, ed un odore nauseabondo arriva in sala da pranzo. Veniamo informati, io ed altri cinque ospiti, che il formaggio per la pasta e' scaduto ma da poco ed anzi se lo sentiamo un po' forte e' perche' ha acquistato carattere...
Avete presente il classico GULP dei cartoni animati? Me lo potevate leggere sulla testa a mo' di fumetto!
Sguardi imbarazzati, ognuno cerca la migliore strategia di salvezza.
Stringo  leggermente gli occhi come ogni volta che mi sento perfida: non solo so benissimo cosa fare, ma lo faro' in modo tanto perfetto che la mia beneducatissima mamma, se potesse vedermi, non potrebbe che approvare.
Scusa sai, questo ( e cito la poltiglia scaduta)  e' proprio l'unico formaggio che non mangio, mi da' sempre problemi, vado direttamente al secondo...appunto, detto da una che, in un'altra vita, oltre che scimmia dispettosa deve essere stata un topo e' grossa, ma in amore e guerra non si dice che tutto e' permesso?
Sono salva. Non ci credo. Sguardi di invidia, ed io ancora con l'occhio perfido. Ma non sapevo.
Non sapevo che al proprio destino non ci si puo' sottrarre. Non sapevo che la signora aveva pronto il piano B,  e stava per servirmelo.
Non c'e' problema, Stefania, ti lavo gli spaghetti e li mangi in bianco.
No. Ditemi che ho cominciato a sviluppare gravi problemi di udito, ed anche di vista, e non sono i miei quegli spaghetti che vengono sciacquati sotto l'acqua corrente.
L'occhio perfido e' sparito, ed ha fatto spazio ad un'espressione tra l'atterrito e l'omicida.
Li assaggio, due fili. Non ce la faccio. Bandiera bianca.
Penso alla mia beneducatissima mamma: lei li avrebbe mangiati con regale indifferenza.
A me, evidentemente, di regale ha passato ben poco :-)

Il dolce di oggi e' una perfezione, e non certo perche' l'ho fatto io, ma perche' viene da Frolla & Sfoglia di Michel Roux, un libro magico che ad ogni pagina riserva una piacevolissima sorpresa.
Pochi ingredienti, semplici, ma che danno vita ad un mix irresistibile.
E non azzardatevi a farla ad occhio :-)
La ricetta partecipa al solito appuntamento con il calendario di Ammodomio.

TARTE AL CIOCCOLATO E LAMPONI

per la pasta sucree

250 g di farina
100 g di burro a pezzetti
100 g di zucchero a velo
un pizzico di sale
2 uova a temperatura ambiente

per il ripieno

250 ml di panna liquida da montare
200 g di cioccolato fondente di ottima qualita'
25 g di glucosio
50 g di burro
250 g di lamponi
20 g di foglie di menta

Preparare la sucree (anche in anticipo): versare la farina a fontana in una ciotola e mettere al centro il burro a pezzetti, lo zucchero a velo setacciato ed il sale. Mescolare usando la punta delle dita, strofinandole tra loro.
Quando l'impasto ha una consistenza grumosa, unire le uova leggermente battute in precedenza. Amalgamare prima con una forchetta, e poi a mano finche' il tutto sta insieme.
La pasta e' morbida, si lavora benissimo, e sconsiglio di usare il mixer proprio per questa sua caratteristica.
Avvolgere nella pellicola e mettere in frigo per un paio d'ore.
Con questa dose viene circa mezzo kg di sucree. Usatene meta' per il dolce e surgelate il resto.
Stenderla in una teglia da 20 cm di diametro, bucherellare il fondo e mettere la teglia in frigo per 20 minuti.
Coprire con carta forno e fagioli secchi, quindi cuocere in forno preriscaldato a 190 gradi per 20 minuti. Togliere quindi la carta ed i fagioli, abbassare il forno a 180 e continuare a cuocere altri 5-8 minuti, finhe' sara' dorata.
Far raffreddare completamente prima di farcire.

Preparare il ripieno: mettere la panna in un pentolino sul fuoco. appena raggiunge il bollore spegnere ed aggiungere il cioccolato a pezzetti ed il glucosio, mescolando con una frusta a mano finche' si ottiene una crema liscissima.
Sempre mescolando unire il burro, un pezzetto alla volta, e far riposare a temperatura ambiente una mezz'ora.
Intanto mettere qualche lampone da parte per la decorazione, tagliare gli altri a meta' e mescolarli alla menta tritata fine. Farli riposare mezz'ora.

Comporre il dolce, versando nel guscio ormai freddo i lamponi con la menta. Coprire con la ganache al cioccolato e mettere almeno 4 ore in frigo prima di servire, accompagnata dai lamponi interi.

NOTE:

-Michel Roux suggerisce di usare un coltello bagnato in acqua bollente ed asciugato per tagliare la torta. Ho disubbidito riguardo all'acqua, ma ho pulito il coltello prima di tagliare ogni fetta.

- questa pasta sucree e' assolutamente divina. Credevo di averla stesa troppo sottile, ma ha retto perfettamente il peso del ripieno senza rompersi.
Puo' stare un paio di giorni in frigo, oppure essere comodamente surgelata.



112 commenti:

  1. Hayırlı Haftalar, Ellerinize sağlık. Çok leziz ve iştah açıcı görünüyor. (Bugün bloglardan seçmelerde lezzet adasının saç kavurması tarifi yayınlandı.(http://gencalsabahattin.blogspot.com/)

    Saygılarımla.

    RispondiElimina
  2. ihihih oddio l'hai vista proprio brutta!!! il formaggio scaduto...nuuuoooo!!! :X
    sei stata fin troppo educata Stefy!! :P
    Gli speghetti lavati sotto l'acqua....questa donna è la rovina della cucina italiana! :P

    Deliziosa questa tart...avrei pure tutto per farla..mi manca solo il glucosio !!!!
    un bacione e buon inizio settimana !!

    RispondiElimina
  3. "ti lavo gli spaghetti sotto l'acqua"...ha avuto il barbaro coraggio di dirlo e di farlo? Te dovresti proprio raccoglierle tutte in un libro, andrebbe a ruba! Come andrebbe a ruba questa tarte...meglio scappi via, se la guardo un altro po non sono più responsabile di me! Il Something Red che non perdona! Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  4. Avevo assaggiato tempo fa un dolce simile e la dolcezza del cioccolato unita all'aspro dei lamponi è favolosa, si bilanciano perfettamente! Comunque li trovi tutti tu i sogetti strambi ;)

    RispondiElimina
  5. etsoro non è questione di regalità, ma di istinto di sppravvivenza:D mi hai lasciato a bocca aperta!

    RispondiElimina
  6. chissà se la "calamità naturale " è solita leggere il tuo blog,forse qualche domanda potrebbe farsela....mannaggia ma non era evitabile una simile tragica serata?é sempre divertente leggerti e poi la ricetta di oggi mi fa iniziare dolcemente la settimana, cosa chiedere di più? Un abbraccio...

    RispondiElimina
  7. Ecco, io il glucosio non so proprio dove reperirlo, mannaggia!
    Ottimo dolce, si mangia prima con gli occhi!
    un bacione e buon lunedì

    RispondiElimina
  8. Ahahahahah!!! Quella degli spaghetti lavati è terribile. Ma di un po', per caso ha anche usato il sapone? :D :D :D

    Tarte: ooooohhh! Finalmente si ritorna a ragionare! (ehehehehehe) Sai bene che son queste le preparazioni che mi interessano ;-)

    RispondiElimina
  9. Cara mia è un piacere aprire il tuo blog, a parte la foto che è fantastica, non oso pensare al sapore, che è meglio!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Ma che tipa questa lavaspaghetti -_-"
    che prontezza d'ingengno che hai avuto! a me non sarebbe mai venuto di dire "toh, questo è l'unico formaggio che non mangio" XD

    la tart è meravigliosa, credo di averla già vista su qualche blog anglo-sassone... non ho i lamponi, se faccio solo col ciocco... ti offendi? :)

    RispondiElimina
  11. ciao, mi chiamo Elena,e già da tempo seguo il tuo gustosissimo blog, anche se in maniera "silenziosa". Oggi però non potevo proprio tacere... a parte la ricetta slurposissima, come tutte del resto (devo ammettere che non ne ho ancora trovata una che non mi attirasse e tutte quelle che ho provato finora hanno avuto un successone che non ti dico...), mi sono stravolta dalle risate immaginandomi la scena della cena assassina... Ma con il secondo come è andata?!?
    Parlando della ricetta mi sorge un quesito amletico, che sempre mi tormenta in indicazioni simili (perdona l'ignoranza, ma per me è un vero e proprio tormento): ma il glucosio, se poi c'è differenza, in polvere o liquido?
    Puoi risolvere il mio piccolo dramma casalingo?
    Grazie e ancora stracomplimenti per... per tutto!!

    RispondiElimina
  12. Caspita Stefania
    questa torta è strepitosa!!!
    A proposito di spaghetti lavati dovresti chiedere a mio figlio piccolo se si ricorda .......... un anno al pranzo di Natale avevo preparato dei fusilli fatti in casa con un sughetto di funghi, mio figlio avrà avuto 5-6 anni ha incominciato a tavola, di fronte a tutti i parenti, a fare capricci che non li voleva, che non li mangiava e poichè con le buone non si decideva a smettere e io stavo perdendo la pazienza e per non arrivare al fatidico
    " vai in camera e torna quando i capricci sono finiti" mi sono sentita dire
    " ma se te li lavo poi li mangi?" e lui
    "si mamma prometto che li mangio"
    beh non l'avesse mai detto prendere il piatto e andare in cucina metterli nello scolapasta e risciascquarli e poi condirli con un po' d'olio è stato un tutt'uno, non ti dico la faccia della nonna paterna

    rido ancora adesso è stata una lezione che è servita anche come deterrente per un paio di volte successivamente e sicuramente se lo ricorda ancora

    però che l'abbia fatto a te è allucinante, mi sa che non ti avrà più come ospite!!

    Buona settimana
    Manu

    RispondiElimina
  13. che seratina gourmet che hai trascorso...:-))

    la tart è sublime...un abbraccio...buona settimana!

    RispondiElimina
  14. oddio araba... dàiiii... nell'acqua li avrà cotti e nell'acqua son tornati, che c'è di strano? però visto che ci sto ti offro un po' di soluzioni a portata di mano:
    - no grazie, sembra che io sia allergica al glutine sviluppato dalla pasta prodotta con grano greco... sai mica dove l'hanno fatta questa pasta?
    - grazie no... è da quando ho visto quel film... con quella scena, non mi è mai più riuscito di mangiare... e sì che ne ero ghiottissima... uno shock è stato...
    - no grazie no (con simulazione di pianto) scusa sai... mi ricordano tanto quando ero a tbilisi... tu non puoi capire... (chiedi con permesso di ritirarti per alcuni minuti sola con il tuo dolore)
    - ommmiodddio ho lasciato la cotognata sul fuoco acceso! (e t'infughi verso la porta...)

    ne hai per quattro occasioni, mi raccomando eh...

    RispondiElimina
  15. o mamma........... dimmi che ho letto male, e che la vicina pazza non ha davvero preso gli spaghetti conditi con roba scaduta, sciacquati sotto l'acqua corrente e poi rimessi nel piatto e serviti così!!!!!!!!!!!! O.O
    Diceva bene Einstein "Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi."

    RispondiElimina
  16. Cavolo...che soggetto!!! :-OOOO
    Cioè...io non mi sognerei mai di lavare gli spaghetti ad un ospite è.é...è assurdo!!!! Ed il formaggio scaduto...vabbè Stefy, qui la regalità non so quanto potesse reggere! :-DDD
    E comunque sei stata bravissima a scansare il pericolo, come sempre! :-DDD Te l'ho detto che dovresti scrivere un libro! ;-D
    Questa tart mi piace moltissimo...soprattutto l'unione dei lamponi con la menta e poi la ganache...io di solito unisco direttamente il passato di lamponi alla ganache e si ha un tutt'uno...chissà che sapore viene fuori utilizzando anche la menta e lasciando i lamponi interi...sono sicura buonissimo, ma voglio proprio assaggiarlo!
    Ti mando un bacione
    Ago

    RispondiElimina
  17. Buongiorno Stefy!
    Mi piace tanto leggerti alla mattina, con i tuoi post da ridere danno una bella carica per il giorno;))
    Tart è strepitoso!! Cioccolato bianco e lamponi.....
    Un bacione

    RispondiElimina
  18. Ma che roba questa tarte!!! appena posso la provo, sperando di trovare lamponi decenti...
    Sulla signora sciacqua-spaghetti...no comment ;))

    RispondiElimina
  19. ritorno finalmente nel tuo adorato blog e cosa vedo?? un trionfo di dolcezza e sensualità...perchè il lampone con il cioccolato acchiappa, acchiappa... :D

    smack!!

    RispondiElimina
  20. la torta e' fantastica, gli spaghetti erano almeno lavati con il sapone? ah ah ah ciao e buona settimana

    RispondiElimina
  21. una torta cioccolato e lamponi di lunedì mattina? così si comincia bene la settimana!!! che sogno!!!
    come sottrarsi a inviti simili? che disastro... pensa che una volta degli amici invitati a cena hanno portato delle piadine confezionate (a me che vivo in Romagna...) ed erano ammuffite! abbiamo fatto finta di niente e portato in tavola del pane insabbiando le piadine ;-D

    RispondiElimina
  22. mmmmmhhhhhhhhhhhhh! Adoro il cioccolato con i lamponi! Appena mi arriva il Callebaut Venezuela giuro che la faccio!

    Resto sempre dell'idea che dovresti scrivere un libri di "memorie" ! Ma tutte a te capitano????
    baciuz
    Dani

    RispondiElimina
  23. Non mi permetterei mai di farla ad occhio!!!!
    E' una meraviglia!!!!Sei bravissima!!
    Accetterai ancora inviti dalla gentile signora?
    Comunque non è la prima volta che sento parlare di spaghetti "lavati", un simile fattaccio capitò anche ad una mia cara amica!!!
    A presto e un bacio!!!!

    RispondiElimina
  24. Naaaaaaaaaaa!! Ma le stelle michelin gliele farei vedere io a questa CHEF!!
    La tarte è ormai nel mio archivio di cosedafareassolutamenteeprestissimo!

    RispondiElimina
  25. Ciao! un gusto forte per questa torta! cioccolato e lamponi...sà quasi di peccaminoso ;-)
    un bacione

    RispondiElimina
  26. Divina, adoro il cioccolato! complimenti! Baci

    RispondiElimina
  27. Splendida questa tart...anzi divinamente gustosa!!
    La segno e la provo...sai siamo tutti amanti del cioccolato.....
    ciaoooo

    RispondiElimina
  28. Noooooo la storia degli spaghetti proprio no.... eppure a me in Inghilterra li hanno serviti in un catino che stava in bagno sciacquato malamente nella vasca... no comment!!! Rifacciamoci i cinque sensi con questa meraviglia di torta che è meglio!!!!

    RispondiElimina
  29. Già l'accomppiamento è fantastico se poi lo metti in una bellissima crostata..beh è tutto perfetto. Baci e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  30. Stefania ma davvero ti è successo l'episodio dei spaghetti lavati??? Io al tuo posto non so se sarei riuscita a mantenere un comportamento educato.
    In quanto a questo dolce definirlo divino è poco,ho appena acquistato della panna fresca senza un motivo ben preciso...ora ce l'ho :-)
    Un grande abbraccio per te!

    RispondiElimina
  31. Ahahahahahahah!...spaghetti lavati?!?!...ci vuole coraggio!!!!
    Comunque la tart è divina!!!!...complimenti!!!

    RispondiElimina
  32. Post esilarante, come tutti i tuoi del resto, mi fai sempre morire dal ridere:-)))
    Buonissima questa tarte di Michel Roux, l'ho provata diverse volte anche io, avendo un marito che adora il cioccolato...ultimamente meditavo di sostituire i lamponi con le pere, mi piacciono un sacco con il cioccolato! Un bacione!

    RispondiElimina
  33. sempre uno spasso leggere i tuoi post tesoro accompagnata da questa visione sublime!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  34. la crostata è spettacolare e a prova di qualsiasi risciacquo... se a qualcuno non piace passa qui.. la mangio io.. un bacio

    RispondiElimina
  35. Ad un invito del genere io mi sarei dato malato, non per perfidia ma per istinto di sopravvivenza!

    La tarte è molto ricca e sicuramente eccellente, mi piace anche la foto :-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  36. ahahhahahahahahhahah
    ma possibile che capitino tutte a te?????!!!
    ma anche la padrona di casa che sventola ai quattro venti che il formaggio è scaduto... ma come si fa??? io sarei morta dal ridere... e sinceramente anche a costo di passar per maleducata me la sarei filata di corsa!!!!
    cmq... bellissima ricetta e bellissima foto!

    RispondiElimina
  37. Meravigliosi i tuoi post...mi fanno sorridere ogni volta i tuoi racconti...e la ricetta di oggi, beh quella è davvero fantastica. Me la segno e la faccio appena ho amici a cena...farò un figurone. Grazie araba...

    RispondiElimina
  38. ma gli spaghetti aveva intenzione di lavarli con il sapone??? hahahah cose dell'altro mondo!!!
    ottimo questo dolcino, è un'opera d'arte
    kiss
    Pina

    RispondiElimina
  39. Che meraviglia!!! Ne mangerei subito una fettina...

    RispondiElimina
  40. sembra la ricetta dell mia mamma.. strepitosa!!!!!
    dai un occhi se ti va a
    http://modemuffins.blogspot.com

    RispondiElimina
  41. Ti leggo sempre, non commento mai. Favolosa!
    Questa cosa del glucosio mi fa uscire di testa.
    Opzioni:
    a. eliminarlo (modifica il gusto?)
    b. sostituirlo (con cosa? sciroppo di zucchero e acqua?)
    dubbi amletici.
    :)

    RispondiElimina
  42. No gli spaghetti lavati no!! lo confesso non gli avrei mangiati ma questo dolce al cioccolato e lamponi, il clucosio rende più stabile la crema al cioccolato è una buona soluzione

    RispondiElimina
  43. Che goduria la tua torta complimenti
    ciao e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  44. Con questa tart mi hai ai tuoi piedi! Fra tutti gli abbianmenti che ho provato di sicuro, cioccolato e lamponi e' tra i mio preferito!

    RispondiElimina
  45. Oh Stefania, ma sai che senza volerlo mi hai dato un'idea meravigliosa?
    Adesso so cosa fare se preparo qualcosa che non piace a qualcuno.
    La passo sotto il rubinetto!!!!!!!!!!!!!!
    Beh, se va bene per la pasta immagino vada bene anche per il risotto, per lo spezzatino che magari qualcuno preferisce senza pomodoro e via dicendo.......
    Proprio un'idea geniale.
    In quanto alla tarte dire che è perfetta. Irresistibile è dire poco.....
    Cioccolato e lamponi non hanno rivali...
    un abbraccio carissima e a presto

    RispondiElimina
  46. Wow!!!Raffinato,elegante e golosoooo!Complimenti Stefania!

    RispondiElimina
  47. Ahi ahi due uova arabe di quanti grammi? in India per esempio le galline sono piccole e fanno uova di 50 grammi. . . .e da dove arrivano questi lamponi? Certo che in Arabia si trova davvero tutto, che invidia! a parte per gli spaghetti che hai pure osato assaggiare, quelli non te li invidio ma che coraggio, no dico, tu che coraggio, io glieli avrei messi in testa!.

    RispondiElimina
  48. Stefi, la torta è Stupenda!!!! e o signore la tua conoscente con le stelline è davvero da sopprimere!!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  49. Mamma mia!!!!!!! Quando si dice mangiare con gli occhi!!!! è questa la senzazione che mi ha dato guardare questa foto. appena trovo i lamponi la faccio subito...slurp!!!

    RispondiElimina
  50. Sei stupenda proprio come questa tart, e non lo dico ad occhio ;), ho misurato bene.

    RispondiElimina
  51. Ho il vago sospetto che il signor Roux non esiterebbe ad assumerti come pastry chef.
    Sei bravissima e questa tua tart e' proprio elegante.Segnata subito.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  52. E un piacere leggerti e che dire della torta(pardon, tart): meravigliosa!Un abbinamento a qualle io non so dire di no.

    RispondiElimina
  53. Vaya tarta que te has marcado, esto se ve de lujo. Impresionante y de sabor debe ser delicioso.

    Saludos

    RispondiElimina
  54. Ha lavato la pasta!? No non ci credo...
    Tra questo e il formaggio scaduto, non saprei cosa scegliere. Nemmeno io ce l'avrei fatta!
    In compenso la tua deliziosa torta solo a vederla in foto mi da il languorino. Una golosità incredibile

    RispondiElimina
  55. marò ma che è...neanche nei peggiori film dell'orrore esiste qualcuno che pensi di "lavare" gli spaghetti!! nn capisco neanche come possa esserle venuto in mente...come rovinarsi le tanto agognate vacanze italiane ;)
    questa delizia però è proprip perfetta per tirarsi su...seguirò ALLA LETTERA la ricetta (appena trovo dei lamponi e il glucosio).

    RispondiElimina
  56. Poco educato da parte sua dire che il formaggio era scaduto!!
    Non avrei mangiato quella pasta neanche sotto tortura!!
    Comunque te la sei cavata egregiamente!!
    Questa tarte con lamponi e cioccolato bianco .... deve essere, non buona .....di piuuuuuuu!!

    RispondiElimina
  57. Ah! Dimenticavo !!! Adoro quel cucchiaino!!

    RispondiElimina
  58. O.O ma ma...non so che dire!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  59. Lavare la pasta al formaggio scaduto, quando imporle un simile trauma sarebbe discutibile già per fare la pasta fredda. Credo che preferirei la raccolta fichi con camaleonte reale a certi inviti a cena. Anzi, la raccolta di camaleonti con fico a mo' di minaccia.
    Squisita foto, compreso il lampone nel cucchiaino da gelato. Un anticlimax davvero necessario.
    Livia
    P.S.: la pasta sembra davvero speciale.

    RispondiElimina
  60. Beh che dire... io avrei inventato una scusa per non andare alla cena, una forte emicrania, o che so io, quel virus che sta girando proprio in questi giorni e che non mi fa mandar giù niente.

    Brava che ci sei pure andata e... almeno hai avuto una bella storia da raccontare e sono certa ti sei fatta anche delle belle risate.

    p.s sei sicura che la signora in questione non arrivi al tuo blog?

    Bacioni
    Sara

    RispondiElimina
  61. Stefy, ma tu mi vizi e mi strazi con questa delizia!!!Ma soprattutto i miei LaRdominali non ce la possono fare a reggere i tuoi racconti :'DDD ancora sto ridendo al pensiero di un piatto di buonisssssimi spaghetti risciacquati... quasi preferivo il formaggio mummificato ;P

    RispondiElimina
  62. Questa offre formaggio scaduto agli ospiti e se ne vanta pure?!?! E poi sciacqua gli spaghetti?? E tu ti preoccupi della regalità?? Ma..io sono curiosa!!! Voglio i commenti "post-partita", le frasi più tremende che sicuramente gli altri commensali hanno poi pronunciato nel dopo cena!!
    La torta...la torta...non ci sono parole. Troppo bella e chissà quanto buona...

    RispondiElimina
  63. Wowwwwwwwww...maravilloso!! buenísimo!!

    RispondiElimina
  64. Non ci posso credere che una persona invita a pranzo, dà formaggio scaduto e lo dice pure! e per risolvere lava gli spaghetti, o mamma che schifo!!!!Ma è matta!! Mi chiedo come fa ad essere ancora viva, com'è che non le è mai capitato il botulino se riesce a mangiare cibo scaduto e che si sente che è scaduto. Per fortuna dopo questo racconto scioccante ci proponi una bellezza simile. Un dolce poetico per i suoi contrasti.
    Se mai potrò trovare i lamponi freschi vorrei tanto avvicinarmi alla sua perfezione!
    Un grosso bacio

    RispondiElimina
  65. agghhhh! la pasta risciacquata noooo! perchè invece il formaggio scaduto.... veramente geniale la tua risoluzione, non potevi districarti meglio ma dopo il bagnetto agli spaghetti si sarebbe arreso chiunque... La tarte è veramente da urlo, la foto è molto carina, stiamo lavorando sui bianchi? ;) ciao bella topolona dall'occhio perfido!! :D

    RispondiElimina
  66. "bella topolona dall'occhio perfido"?????

    RispondiElimina
  67. ohhhh...wow!che dessert da sogno!!sei sempre così brava....!complimenti davvero!
    baci baci vale

    RispondiElimina
  68. che è la perfezione lo immaginavo, e sembra la libidine sotto forma di torta!!!! peccato per il glucosio che non ho!!!

    RispondiElimina
  69. @ Fuat Gencal: thanks (and thanks to Google translator) :-)

    @ Sara: puoi dirlo forte!!!! E grazie.

    @ Federica: per un attimo pensavo che scherzasse, invece...

    @ cuoca gaia: no, non li trovo solo io, e' che io li metto nel blog :-)))

    @ Genny: a bocca aperta? pericolosissimo se ti trovi nelle vicinanze della tizia...

    @ Chiara: la signora e' molto attempata, vive sola e senza computer, non ha idea di cosa sia internet o un blog...;-)

    @ Simo: ma dai, un negozio di prodotti da pasticceria? oppure anche on line...o la prossima volta che vengo te lo mando io ;-)

    @ Zio Piero: magari col sapone sarebbero stati piu' buoni...:-)))))

    @ Fabiola: l'abbiamo divorata, ti dico solo questo...;-)

    @ Serena: prontezza un tubo, dato che mi ha buttato dalla padella nella brace! Certo che puoi farla con il solo ciocco, ma fidati che con i lamponi e' tutta un'altra storia!

    @ cippamunka: grazie Elena! Allora, il glucosio usato e' liquido, e serve non solo come ha gia' scritto Gunther a rendere piu' stabile la ganache ma anche a darle una consistenza favolosa. ciao!

    @ Manu: beh, mi conforta sapere che non sono l'unica ad essere stata in questa situazione...

    @ Federica: si, proprio da ricordare...

    @ spaz: gentilissimo :-) pensavo di risolvere tutto alla radice dandomi per morta e cambiando identita'...che dici non funziona?

    @ Eleonora: ed anche la creativita' e la fantasia non hanno limiti...

    RispondiElimina
  70. Si sa: lamponi e cioccolato sono spettacolari insieme... Questa torta è diabolica da quanto è golosa!!!!
    Franci

    RispondiElimina
  71. @ Ago: se gia' fai una torta simile fammi il favore di provarla con la menta, mi ha davvero aperto un mondo!!! e grazie ;-)

    @ Oxana: grazie mia cara, a presto!

    @ giulia pignatelli: senza parole, eh?;-)

    @ Roberta: acchiappa? di sicuro ha acchiappato gli ospiti che ci hanno aiutata a finirla...;-)

    @ flavio: magari! sarebbero stati piu' buoni :-))

    @ Acquolina: vedi? i personaggi strani capitano a tutti...

    @ Dani: tutte a me no, ma mi sa che sono l'unica che le mette su un blog. Fammi sapere se fai il dolce, allora!

    @ Lory B.: mi conforti...mal comune mezzo gaudio, no?

    @ ( parentesi culinaria ): aspetto il responso, allora :-)

    @ manuela e silvia: un peccato senza gravi conseguenze...:-)

    @ Klod: grazie mille, difficile trovare a chi non piace...;-)

    @ Lady Cocca: e chi non lo e'? ;-)

    @ Lauradv: ehm, non so se e' piu' tremenda la mia o la tua esperienza...

    @ Edda: grazie, altrettanto a te :-)

    @ maria61m: vedi, tu "sentivi" che ti sarebbe servita...;-)

    @ Vanessa: grazie mille!

    RispondiElimina
  72. @ Dada: credo che faro' mio il tuo pensiero, dato che ho visto gia' le pere al super...

    @ Imma: grazie mia cara!!!

    @ Fabiana: sorry, e' finita in men che non si dica :-))))

    @ Mirtilla: grazie!

    @ Nanninanni: diciamo che ero andata preparata ma non pensavo si arrivasse a tanto...grazie!

    @ Enza: beh, diceva che era scaduto da poco...come dire che non contava!!!

    @ Angela Maci: e' uno scambio reciproco, dato che ho appena salvato la tua di ieri...;-)

    @ PROVARE PER GUSTARE: vero, sembrano dell'altro ma sono del...nostro mondo :-)))

    @ Francesca: anche una fettona, volendo...

    @ MMM: grazie mille!

    @ Lu: eliminarlo e' un peccato data la consistenza favolosa e la stabilita' che da' alla ganache. Sostituirlo con acqua e zucchero no, ti ritroveresti un composto liquidissimo! Non lo trovi? posso segnalaarti qualche indirizzo per comprare on line, se vuoi :-)

    @ Gunther: ed infatti nemmeno io ci sono riuscita...;-)

    @ steval: grazie mille ed altrettanto a te :-)

    @ Elga: e' vero che e' invitantissima??? lamponi e cioccolato non falliscono ;-)

    @ viola: santo Cielo, la signora e' contagiosa!!! :-)

    @ elisa69: grazie mille!

    RispondiElimina
  73. Per una come me che ama metterci il suo zampino la pasticceia è quasi un tabù..mi affascian chi riesce bene come te!
    la vicina è davvero un personaggio allucinante, non ho davvero parole!!!!

    RispondiElimina
  74. @ chamki: accidenti, mi cogli impreparata, essendo a scuola non posso pesare le uova! comunque direi uova medie, che quindi sono un po' piu' grandine delle tue :-)

    @ Cristina: grazie! e non riusciremo a sopprimerla, ammazzera' lei noi se va avanti cosi'...

    @ Ri.tor.TA: grazie mille, anche io vedendola sul libro non ho potuto resistere :-)

    @ Dajana: non e' che la tua bilancia non e' ben tarata? ;-)

    @ Edith Pilaff: magari, mi accontenterei anche di pelapatate ufficiale :-)))

    @ Lilly: ti ringrazio tanto :-)

    @ jose manuel: sei sempre gentilissimo, grazie!

    @ Kitty's kitchen: ti ringrazio e si, mangiarla era al di sopra delle mie possibilita' :-)

    @ elenuccia: la follia non ha limiti :-)

    @ Giusy: cosa vuoi che ti dica, forse voleva solo essere simpatica??? non ho idea!

    @ Alice: non dirlo a me!

    @ Livia: ecco, quindi non sono l'unica che aborre il risciacquo della pasta anche quando serve fredda per le insalate! Grazie come sempre :-)

    @ Sara: la signora e' un'arzilla vecchietta che vive sola e senza computer, non credo mi leggera' mai :-)

    RispondiElimina
  75. @ UnaZebrApois: guarda, ancora non so cosa avrei preferito...

    @ Silvia: vuoi la verita'? ci siamo fatti tante risate alle spalle della poveretta, ma da essere piegati in due ;-)

    @ ALIMENTA: ti ringrazio!

    @ gloria cuce': il botulino capita a chi sta attento, invece i tipi cosi' la fanno sempre franca...quanto alla torta, la perfezione non e' certo mia, ma di una ricetta precisissima, non potra' non venirti che bene :-)

    @ Cristina: mi sai che hai scandalizzato spaz :-)))

    @ spaz: ehm ehm ehm (sto ridendo)

    @ Imbini Pasticcini: grazie, troppo buona :-)

    @ Gaijina: non riesci a trovarlo? altrimenti lo puoi comprare on line. E grazie!

    @ Francesca: diabolica forse e' stata piu' la signora...:-)

    @ Saretta: se segui pedissequamente la ricetta non potra' che venirti bene, credimi :-)

    RispondiElimina
  76. Stefania, sei sempre mitica!
    Ci devi dire dove hai mangiato così, se è un ristorante, lo eviteremo di sicuro!
    La tarte è splendidA! I miei amati lamponi... Mmmmmm...
    La voglio!
    Un bacione

    RispondiElimina
  77. aahhahahahahahahah scusa mi devo riprendere dal mal di pancia a forza di ridere che mi è venuto! Ma questa storia è degna dei migliori film inglesi!Non ce la faccio, mi sono immaginata tutta la scena. Scusa ma io questa la racconterò come barzelletta, mi dai il permesso? Troppo esilarante! Ecco ora che mi sono ricomposta ti faccio i complimenti per la tarte.
    A presto
    sciopy

    RispondiElimina
  78. Aborrire, in effetti, sarebbe la parola giusta! ;-)
    Livia

    RispondiElimina
  79. @ Giulia: grazie al cielo e' una casa privata. Se fosse stato un ristorante avrei chiamato i NAS!

    @ sciopina: puoi, puoi, ma fa moooolto piu' ridere se dici che la storia e' vera :-)))

    RispondiElimina
  80. Livia: temo sia l'unica possibile...

    RispondiElimina
  81. Oddioooo..ma questa è fuori...!!!!a dire il vero è capitato anche a me di dover mangiare un piatto di schifosissimi spaghetti...duri da stare in piedi da soli e buttati nel piatto così nudi e crudi..!!ma addirittura sciacquati noooo!!
    Che dire di questo dolce..lo sto ammirando da uql favoloso libro da un sacco di tempo..!anche nei giorni scorsi volevo provarlo con un tipo di frutta alternativo visto il prezzo proibitivo dei lamponi..ora che tu l'hai provato non posso che essere ancora più certa del risultato!..quel libro è magico sul serio!!..Brava Stefania ti è venuto benissimo!!

    ciao ciao

    RispondiElimina
  82. Morena, grazie! E quando avrai voglia, prova il dolce, ne vale davvero la pena.
    Ciao!

    RispondiElimina
  83. Apro il tuo blog, e cosa vedono i miei occhi???? Ne voglio subito una fetta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  84. Che dire? è sempre un piacere passare dal tuo blog, nulla è scontato e si trovano sempre splendidi spaccati di vita oltre a ricette pazzesche. Sarà l'accoppiata lampone-cioccolato...ma questa tarte è da premio e quel libro una garanzia!
    un caro saluto
    simona

    RispondiElimina
  85. che torta meravigliosa!:)
    bravissima!

    RispondiElimina
  86. Speriamo che oggi riesca apostarti il commento. Ieri mi dava sempre errore!!!Comunque ne ho approfittato per rileggere il tuo simpaticissimo post, devi assolutamente scrivere un libro!! O in alternativa darti alla cucina in modo professionale perchè questa torta è stupenda realizzata in maniera eccelsa. Baci Simona

    RispondiElimina
  87. Siamo passati dal ridere al ritrovarci con la voglia improvvisa di lamponi e di cioccolato, perchè davanti alla tua torta ci si può solo commuovere!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  88. 89 commenti!!!! stefania sei un portento!!!
    brava ;)

    cmq, come non farlo davanti alla torta di m roux riproposta dalla bellissima stefy???

    grande davvero!
    smack

    b

    RispondiElimina
  89. Stefania, ma sono pazza io o il mio commento ieri non è rimasto postato?non lo vedo più! o forse nopn ci vedo più perchè son stanca? o è questa torta che mi ha annebbiato la vista? è fantastica, ieri quando l'ho vista mi è preso un tuffo al cuore: lamponi e cioccolato esono il matrimonio culinario più perfetto! mi hai fatto venire una voglia che son corsa a cercare i lamponi ma non li ho trovati, uff...allora son corsa in gelateria e mi son rifatta con un gelato al cioccolato fondente. però mi è rimasta la voglia di provare questa pasta deliziosa e...di mangiarmi una bella fetta di questa magnifica creazione...quindi spero di trovare i lamponi al più presto e mettermi al lavoro! bacioni e buonanotte, sognerò quelle foglioline di menta.....

    RispondiElimina
  90. Lavare gli spaghetti è proprio una azione difficilmente accettabile in cucina tanto più se fatta con un ospite che nel frattempo provandoli è come dire "...diventato più forte...ha acquista carattere insomma..." ahahahahhaha
    Se quell'episodio stona parecchio altrettanto non posso dire della tarte...intravista ieri sera sul tardi ma ancora persistente in memoria ehehehe :P
    Complimenti davvero!
    Una domanda. Come mai usi la carta forno per coprire e non l'alluminio, non si scurisce la prima o c'è qualche motivo che mi sfugga?
    Il glucosio è sostituibile con altro?
    Il ripiano del forno...quello medio ed il forno è statico?
    Sorry se sono un rompiscatole :P

    RispondiElimina
  91. @ kiarina 77: non dirlo a me, piango da quando e' finita :-)

    @ l'albero della carambola: grazie mille, ma apputo e' merito del libro ;-)

    @ Giuky: la torta ringrazia!

    @ Le pellegrine Artusi: non esageriamo :-) ma grazie, di cuore!

    @ Luca & Sabrina: ma grazie!

    @ Babs: un portento e' che tante persone perdano tempo a scrivere a me :-) Un bacio grande!

    @@@ Aria in Cucina@@@ : no, non ho trovato nessun precedente tuo commento, ogni tanto blogger fa i capricci. Mi fa piacere che ti sia venuta voglia di prepararla, e spero riuscirai a realizzarla presto!

    @ Gambetto: premettendo che i rompiscatole mi piacciono parecchio, facendo io stessa parte dell'augusta categoria, ecco le risposte ;-)
    Uso indifferentemente carta forno o alluminio, senza fare differenza alcuna, dipende solo da quale ho sottomano. La carta forno scurisce leggermente ma non e' mai stato un problema.
    Il glucosio e', ahime', insostituibile. Al limite lo ometti ma la ganache non avra' la stessa consistenza e stabilita'.
    Forno statico, ripiano medio.
    Ciao ;-)

    RispondiElimina
  92. waw!!!!!une pure merveille cette tarte et une tentation à la gourmandise!!!
    en plus elle est joliment préparée,j'adore
    PS: POUR Mon marbré au fromage j'ai utilisé un moule carré d'environ 20 cm sur 20 cm
    bonne journée

    RispondiElimina
  93. Che dire?spettacolare!adorol'abbinamento cioccolato-lampone!

    RispondiElimina
  94. Sei uno spettacolo, tesoro, te l'ho già detto che ti leggerei per ore? La tarte è splendida, cioccolato, lamponi ed io abbiamo una solida relazione triangolare (forse anche questo l'ho già detto?)!

    RispondiElimina
  95. Une tarte belle à voir et certainement très bonne à manger.
    Les photos sont magnifiques.
    A bientôt.

    RispondiElimina
  96. Ecco che fine aveva fatto il glucosio!
    che torta sublime....golosissima e lussuriosa! adoro il binomio di lamponi e cioccolato!!!

    RispondiElimina
  97. @ Fimere: thanks, I want to make it soon ;-)

    @ NIGHTFAIRY: sono uno degli abbinamenti migliori del mondo, vero?

    @ Onde99: grazie mia cara, ma nella relazione arrivo anche io come...quarto incomodo :-)

    @ Nadji: merci :-)

    @ terry: non valeva la pena impazzire per comprare la bilancia, che dici? ;-) ciao!

    RispondiElimina
  98. Per piacere Stefania, saresti così cortese da darmi un'informazione? Questa pasta è morbida o di genere sbricioloso?
    Grazie
    Livia

    RispondiElimina
  99. Livia, direi assolutamente genere sbricioloso. Non tanto da dare fastidio, però :-)

    RispondiElimina
  100. Ciao Stefania, da poco mi sono avvicinata alla cucina ed il tuo blog è per me fonte di grande ispirazione....posso chiederti come ed in che misura sostituire il glucosio per questa ricetta? Il comune zucchero va bene?

    Grazie!
    Giulia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, usa lo stesso quantitativo di un miele delicato, tipo acacia.
      Il comune zucchero non andrebbe bene in questo caso.
      Ciao!

      Elimina
  101. Ciao Stefania, bellissima ricetta come le altre sul tuo blog! Prima di ripeterla vorrei però essere sicura della dose di menta perchè 20 grammi mi sembrano tantissimi! Grazie
    Giulia

    RispondiElimina
  102. La dose è giusta, Giulia ^_^ ciao!

    RispondiElimina
  103. Ciao! Adoro cucinare e soprattutto fare dolci. Ho spesso preso delle ricette dal tuo blog e devo dire che sono tutte attendibilissime e buonissime:) vorrei fare questa crostata per un compleanno di circa 15-20 persone. Pensavo di fare quindi due torte di 20 cm di diametro ciascuna e di raddoppiare quindi la dose di crema. Che ne pensi?
    grazie
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa torta è proprio per uno stampo da 20cm, per farne due raddoppia tutto :) un abbraccio e grazie!

      Elimina
  104. Quindi anche tu mi consigli di fare due torte per 15/20 persone piuttosto che una sola più grande?ho paura che con una cuocia male la base o possa rompersi.e non saprei da quanti cm di diametro farla.grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, ho sempre l'incubo delle torte troppo grandi, e la base sottile qui magari non reggerebbe il tutto. Ne farei due :)

      Elimina
  105. Ma tu i lamponi li lavi?perché mi sono sempre sentita dire di non lavarli anche se di solito io lo faccio.ma ho paura che in questo caso potrebbero rendere molliccia la sucree.che dici?

    RispondiElimina
  106. Ciao!un'ultima cosa.ieri ho fatto la pasta sucree e messa in frigo, oggi la cuocio e poi domani la farcisco.volevo chiederti..ma tu i lamponi li lavi?perché mi hanno sempre detto di non lavarli, ma dato la mia perplessità io li ho sempre lavati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li passo con un pezzo di carta da cucina tipo Scottex appena inumidito. Lavarli sotto l'acqua corrente no, assorbono tanta acqua....

      Elimina

Leggi i post precedenti: