lunedì 19 novembre 2012

Zuppa di ceci, pane e pesto (in quindici minuti)



Che a nessuno venga più in mente di dire che risiedo in un Paese dove si pensa solo a vivere secondo i precetti più severi dell'Islam.
Il Paese dove Barbie è considerata immorale, e come tale venduta sottobanco.
Il Paese dove la suddetta Barbie è soppiantata sugli scaffali da Fulla, la versione con tanto di velo in testa e tappetino da preghiera, giuro, incluso nella confezione.
Di un Ken appropriato neanche a parlarne, in caso ve lo stiate chiedendo: la povera Fulla passa il suo tempo a pregare, altro che pensare a fidanzarsi...
Il Paese dove certi occhi chiari sono considerati tentatori, e quindi peccatori.
Il Paese dove le donne non possono guidare l'automobile.
Il Paese dove solo da pochi anni le donne hanno diritto ad un documento di identità personale: prima si era accessorio su quello del padre, marito o fratello.
Il Paese dove passeggiare tenendo tuo marito per mano non è sempre visto di buon occhio.
Il Paese dove se non ti copri fino ai piedi vai in galera.
Il Paese dove ogni tanto qualcuno mi sgrida perchè porto liberi e sciolti i miei colpi di sole.
Il Paese dove da poco i capelli me li hanno pure tirati a tradimento, solo per farmi male (ma ve lo racconto un'altra volta).
No no, basta.
La corruzione dei costumi è arrivata anche qui.
Altro che rispetto per le donne ed integrità.
Abbiamo, udite udite, un concorso di bellezza.
Sgrano gli occhi, a leggere la notizia.
E quanta enfasi.
Il concorso si chiama Miss Arabia Saudita?
Assolutamente no.
Miss Beautiful Morals.
Ah, ecco.
E' un concorso di bellezza, si.
Ma interiore.
Ragazze e ragazzine velate dalla testa ai piedi, e non si vede loro nemmeno il viso.
Vengono interrogate sulla conoscenza del Corano.
Sui princìpi che le animano.
La vincitrice viene anche intervistata.
Chissà che faccia abbia sotto quel coso nero, mi chiedo.
Se abbia occhi tristi o allegri, mentre dice che ciò che più importa nella vita è l'obbedienza ai propri genitori.
Se i capelli siano ricci o lisci, e di che colore siano i suoi sogni.
Chissà che futuro l'aspetta, ma dubito che farà la valletta in tv e sposerà un calciatore.
Mi fa una tristezza infinita.
Basta, torno a godermi il concorso di bellezza per cammelli.
Almeno loro posso guardarli negli occhi :-)



Fa finalmente freddo, in Italia? 
Qui da me no, ovviamente, anche se i "soli" 20 gradi notturni per gli standard locali sono paragonabili all'Era Glaciale...
Per scaldare animi e cuori niente di meglio di una zuppa ricca e saporita, ma da farsi in un quarto d'ora!
Dedicata come sempre alla ragazza con la L, per scaldarsi insieme al suo vestito di lana rossa, ed a Barbara, che per una volta non dovrà modificare quasi nulla...già, ricetta pure vegana, oggi!

                                                 



ZUPPA DI CECI, PANE E PESTO
da Everyday Food di Martha Stewart
per due porzioni

un cucchiaio di olio
una cipolla non troppo grande
2 gambi di sedano
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
origano, un cucchiaio
750 ml di brodo vegetale (oppure acqua)
un barattolo di ceci oppure 240 g di ceci lessati da voi (peso da sgocciolati)
2 fette di pane casareccio, meglio se un po' raffermo, senza la crosta
sale
poco pesto per servire (senza formaggio per i vegani)



Tritare finemente la cipolla ed affettare il sedano.
Metterli entrambi in una casseruola insieme all'olio ed un cucchiaio di acqua su fuoco medio, finchè saranno ammorbiditi, circa cinque minuti.
Aggiungere quindi il concentrato di pomodoro e l'origano e far scaldare tutto per un minuto.
Versare quindi il brodo vegetale, oppure l'acqua, un pochino di sale e calcolare 5 minuti dal momento in cui prende il bollore.
Unire quindi i ceci scolati dal liquido di conservazione e il pane privato della crosta tagliato a dadi grossolani.
Lasciare cuocere su fuoco medio per circa 7-8 minuti.
Far riposare qualche minuto quindi aggiustare di sale e servire con una cucchiaiata di pesto per porzione.

NOTE:

- come quasi tutte le zuppe è ancora più buona il giorno seguente.

- va bene qualunque tipo di pane, ma meglio evitare il pancarrè che con il suo gusto leggermente dolciastro rivinerebbe il piatto.

- non rinunciate al pesto per servirla: diventa tutta un'altra zuppa!

65 commenti:

  1. uh mamma...come sempre mi stupisco...come anche di questa zuppa buona e opoi visto che è facile tanto meglio!

    RispondiElimina
  2. Bhe allora qui lo sponsor dell'acqua plin plin dovrebbe variare il suo motto: belli dentro e ignoti fuori ;-)
    Stefi, mi fai morire, come sempre ma ora piu che mai sono curiosa: e che t'hanno combinato ai capelli ?? ;)

    RispondiElimina
  3. Dietro il sorriso che strappano sempre i tuoi post, che velo (tanto per restare in tema!) d’amarezza su questa realtà! Ah ma il sorriso mi torna eccome con questa zuppa e figurati se rinuncio al pesto. E’ tutto lì il bello :D! Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  4. Gnam gnam per la zuppa, ceci in scatola sempre pronti per queste occasioni veloci!!

    E per la tua storia? Wow!!

    A dire il vero non è che trovi neppure i concorsi di bellezza "esteriori" molto intelligenti, infatti se fosse per me li abolirei tutti, (e non centra il sesso, anche Mr muscolo mi fa schifo), La "miss moralità" qui è la stessa cosa, semplicemente adattata ai costumi locali (dove non possono neppure far concorsi di musica in fondo!!), ma il principio è uguale: un gruppo di fanciulle/i spesso ancora troppo giovani e ignoranti giudicati da un gruppetto di individui... (beh, lasciamo perdere come solitamente sono i giudici in queste gare), davanti ad un pubblico di beoti.

    Ma questa è la mia opinione, ovviamente! Infatti sono pure femminista tanto che quando ho cominciato a vivere a Londra a 19 anni mi son fatta subito chiamare Ms perche' non volevo l'appellativo Miss (che mi ricordava tanto i concorsi!), e Ms me lo sono tenuta anche da dopo sposata :-).

    Ma la bambola la vorrei proprio vedere! Il tappetino dev'essere carinissimo! :-)

    RispondiElimina
  5. Bellissima minestra!!! Qui fa freddo, vorrei essere al tuo posto al calduccio!!!! Soprattutto piove da giorni :((

    RispondiElimina
  6. Buonissima la tua zuppa. Complimenti. Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  7. Posso dire di conoscere abbastanza il medio oriente dove in modo più moderato si assiste a episodi simili, ma penso che la SA sia davvero un altro mondo. che non mi piace e che non ho voglia di conoscere a fondo. Questi signori allungandoti il vestito, cercano di strapparti qualcosa di più profondo e mi fa piacere che con te, stefania, non abbiano modo di farlo. Ma poi, perchè quest'assurda prigionia (fisica e spirituale)?! buona giornata,
    serena

    RispondiElimina
  8. anche io cerco sempre le zuppe rapide! e adoro i ceci!

    RispondiElimina
  9. E però, forse dovremmo unire i due concorsi... magari avremmo un vantaggio anche noi...

    RispondiElimina
  10. Stefania, i tuoi piatti hanno sempre qualcosa di magico, come la terra in cui abiti!
    Un abbraccio e complimenti per questa fantastica zuppa!
    Baci

    RispondiElimina
  11. Ciao Stefania,il club "amanti dei cammelli " e' troppo forte! Anche in Spagna,se non sbaglio,fanno una zuppa che chiamano "del quarto d'ora".P.S.Ho deciso di fare santa la Stewart
    (tu hai acquisito santita' gia' qualche anno fa).
    Un bacione!

    RispondiElimina
  12. Miss Bella Dentro, potrebbe anche essere una cosa carina, ma non in quel paese!
    Qui invece impazzano i concorsi "Miss Bella Solo Fuori" e a dirla tutta, non mi piacciono nemmeno questi!

    Cosa si fa quando si ha solo una manciata di minuti per cucinare, o pochi ingredienti? Si corre da Arabafelice! Una garanzia! (e io qui ci corro spesso)
    Buona settimana :)))))))

    RispondiElimina
  13. Ciao...mamma mi inquieta quella 'Fulla'...e senza uno straccio di Ken da spupazzarsi..le mi bambine lo consumano il Ken..povero è uno soltanto e deve dividersi con un harem di 17 tra Barbie, Winxs e Bratz...è fin spettinato dal gran lavoro ;-) ...
    Vabbè...porta pazienza e guarda negli occhi i placidi cammelli!
    Adoro i leguni pertanto che dire...è buonissima questa zuppa e sempre un gran piacere leggerti Stefania!
    Baci, Roberta

    RispondiElimina
  14. E' una mentalità cosi lontana dalla nostra che si fa fatica a credere che una donna possa vivere cosi..meglio non pensarci e goderci la tua bella zuppa cosi confortevole!!baci,Imma

    RispondiElimina
  15. come direbbe una vecchia battuta italiana: bella dentro? mandami una lastra!! Deliziosa la zuppa e qui con questo tempo uggioso ci vuole proprio!

    RispondiElimina
  16. Sono letteralmente sconvolta!!!
    Appena ho iniziato a leggere mi sono detta "finalmente", ma poi rabbia solo rabbia.
    Come è possibile mi dico, sicuramente la ribellione non è un sentimento che popola gli animi delle donne araba...ma cavolo!!!!!
    L'unica cosa che ti dico è: buona la zuppa.
    E che Dio/Halla gliela mandi buona!!!!!!

    RispondiElimina
  17. o__O si, hai perfettamente ragione.... meglio il concorso per cammelli!
    Uhmm che buona la zuppa di ceci con il pesto! E con il freddo che fa oggi la vedrei molto bene per pranzo!

    RispondiElimina
  18. ecco, non avrei mai pensato di unire il pesto nella zuppa di ceci. però mi piace un sacchissimo l'idea! sacchissimo non sarà italiano, e neppure arabo, ma rende bene!
    giusto perchè per pranzo volevo dare i legumi.... ciao Stefania!

    RispondiElimina
  19. Mi sembra proprio buona...Ed è perfetta per queste giornate...

    RispondiElimina
  20. wow una zuppa gustosissima, mi piace complimenti ... per miss arabia saudita hai ragione meglio i cammelli!!!

    RispondiElimina
  21. Sulle aggiunte del pesto, da zeneize, non mi meraviglio: lo mettiamo anche nel minestrone, per cui ci sta tutto anche nei ceci :-D
    Invece la Fulla si che mi lascia a bocca aperta, non la conoscevo!
    Appena ho un po' di tempo vado a leggermi tutti i link contenuti nel post e sto già friggendo dalla voglia di farlo, come quando entri in una libreria e vedi non uno, non due, non tre, ma più libri del tuo autore preferito, e tutti in una botta! :-P

    RispondiElimina
  22. mi piacciono le ricette express....e la tua davvero un ottimo compromesso fra gusto e tempo!
    bacioni cara!

    RispondiElimina
  23. Non è il paese per me, torno a ribadirlo.
    A quest'ora sarei già stata eliminata fisicamente, anche se gli occhi sono scuri e non ho colpi di sole.
    Questa zuppa è da ripetere,sicuramente!
    :-)
    Buona giornata e salutami il cammello!
    Nora

    RispondiElimina
  24. Da grande estimatrice delle Barbie (se potessi ci giocherei ancora!),la visione di Fulla mi fa rabbrividire!

    Se potessimo avere un mezza via tra questo concorso e il NOSTRO...ma si sa, le mezze misure non piacciono a nessuno!

    Come sempre segno e provo..ormai nel mio ricettario c'è una sezione dedicata all'Araba felice ;)

    j.

    RispondiElimina
  25. ..."Chissà che futuro l'aspetta, ma dubito che farà la valletta in tv e sposerà un calciatore.
    Mi fa una tristezza infinita."
    Mah..araba, in realtà forse hanno ragione loro!! Non sanno che fortuna hanno a 1) non fare le veline o vallette varie 2) non sposare il classico calciatore zotico e pieno di soldi. Veramente, in realtà siamo noi che manco ci sogniamo un concorso per bellezza .interiore!Se qualcuno lo proponesse verrebbe subito sedato e curato! Ovvio che per tutto il resto sono assurdità!
    CMq ho letto il tuo commento sui mirtilli,hai troppa ragione, ero di fretta e così ora ho modificato la frase sul post, vai a vedere!
    E stasera, visto che Gabri è a casa malato, zuppa. Di ceci. Questa qui!:-)
    E aspetto di leggere come ti hanno tirato i capelli! REsisti!
    Cinzia

    RispondiElimina
  26. ma che robe davvero! la zuppa di ceci è la mia preferita!

    RispondiElimina
  27. La tua prefazione mi commuove. A volte ci sembra così "normale" la nostra vita e non ci fermiamo a pensare che essere nate nel paese giusto al momento giusto, sia stata proprio una fortuna.Zuppetta molto gustosa

    RispondiElimina
  28. Ciao ! :-)
    Ti posso dire che hai un bel senso dell'umorismo..... Non sapevo di questa realtà in Arabia saudita....comunque io fossi inte se ti hanno tirato i capelli gli tirerei un po' il velo! ;-)
    La zuppa la voglio provare subito mi ispira parecchio
    Baci

    RispondiElimina
  29. Ma non e' razzismo giudicare zotici i calciatori e zoccole quelle che lavorano in tv? Mio figlio fa il calciatore da quando cammina e non mi sembra sia uno zoticone anzi fa dei grossi sacrifici per la sua passione. Tolleranza please... Araba sei il mio mito

    RispondiElimina
  30. ogni volta che passo da te e leggo i tuoi post mi chiedo come diamine fanno a seguitare a subire giorno dopo giorno, anno dopo anno. Possibile che le loro convinzioni religiose siano più forti della loro dignità di donna, della voglia di libertà? La loro mentalità è incomprensibile per me, mi dispiace non mi fanno pena mi fanno rabbia. Questa zuppa invece è comprensibilissima e deliziosa, ma io il parmigiano ce lo aggiungo!
    Buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
  31. Non posso credere che abbiano concepito il tappetino della preghiera insieme a Fulla!!
    rabbrividisco... ma mi scaldo con questa zuppetta super buona! mi piacciono tantissimo i ceci! da provare assolutamente!!
    Un salutone :)

    RispondiElimina
  32. Qui il freddo ha iniziato a farsi sentire, e questa zuppa è perfetta!!Le tue ricette sono sempre una garanzia..

    RispondiElimina
  33. No ma Fulla è una cosa che va aldilà di ogni immaginazione....sono fantasiosi però ;-)
    Poi vorrei sapere i ciriteri con cui la giuria stabilirà chi è la più bella....dentro!

    RispondiElimina
  34. Zuppa molto interessante e sono d'accordo con te... Le zuppe e per me anche i minestroni (senza pasta dentro) sono migliori il giorno dopo!
    La storia del concorso.. una follia tutta orientale...
    Baci

    Laura

    RispondiElimina
  35. La zuppa di ceci non tramonta mai.
    Sempre una delizia.

    Una buona giornata!

    RispondiElimina
  36. Fa tristezza però un paese così .....
    La tua zuppa mi piace tra il sapore che è fantastico alla realizzazione veloce;)
    Baci

    RispondiElimina
  37. Che bello passare a salutarti e trovare una confortante zuppa ad attendermi, di quelle che piacciono a me, veloci ma estremamente buone. Confesso che con il pesto non l'ho mai provata, non mancherò di farlo :)
    Un abbraccio cara Stefania
    Sonia

    RispondiElimina
  38. Dimenticavo, non posso farmi scappare la ricetta sulla nuova bacheca condivisa di Pinterest perché sarà anche di Martha Stewart ma il pesto e tutto il resto può benissimo considerarsi una ricetta italiana ;))

    RispondiElimina
  39. Bella e buona questa zuppa....con il pesto ti credo sulla parola che si ottiene un gusto delizioso! Mi hai tentato....la provo!

    Per quanto riguarda la prefazione del tuo post mi hai fatto riflettere tantissimo e mi rendo conto che davvero siamo fortunatissime noi donne occidentali, non ci rendiamo nemmeno conto di tutta la libertà che abbiamo (e che non dappertutto funziona allo stesso modo)

    RispondiElimina
  40. very confort food per queste serata fredde e buie ormai, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  41. Buona!!!!!Mi tocca fare anche questa....

    RispondiElimina
  42. Quello che mi piace più di tutto sono i tempi di esecuzione, la certezza è la bontà di quello che proponi!!

    Belle dentro???
    Poi ce la racconterai , però!!

    RispondiElimina
  43. Una zuppetta calda adesso non ci sta male,così veloce è l'ideale
    Grazie infinite !

    RispondiElimina
  44. Mi intriga inserisci il pesto nella zuppa di ceci!

    RispondiElimina
  45. O____O
    (sarebbero i miei occhi sgranati, e per la fantastica idea del Paese a dir poco pittoresco in cui vivi, e per le ultime righe scritte prima della zuppa).
    Perchè devi sapere che tempo addietro ti leggevo senza proferir parola, che tra me e me pensavo: "Figurati con tutta la gente che la segue se può dar retta a tutti, leggo e basta".
    Vedere addirittura un tuo piatto dedicato alla sottoscritta mi ha fatta prima arrossire, poi mi sono sentita onorata, ho nascosto a fatica la coda pavonata che si è allargata e non ne vuol sapere di richiudersi, e mi sono commossa.
    Va bè dai, ci sta, considera che mi commuovo quando vedo "Don Camillo e l'Onorevole Peppone" per la centomilionesima volta......figurati se non mi commuovo quando qualcuno che stimo e che mi piace, mi dedica un pensiero e mangia una zuppa insieme a me....
    Grazie, sei un tesoro ♥

    RispondiElimina
  46. Inizio leggendo i tuoi post con il sorriso finendo sempre con gli angoli della bocca verso l basso. Ma siamo sulla stessa Terra?
    La zuppa è sempre comfort anche in pieno deserto :-)
    ciaoooo

    RispondiElimina
  47. Ciao Stefania,
    i miei auguri al tuo blog in ritardo.
    Te li lascio qui perché non partecipo al giochino ma ci tenevo a farteli, leggo pochissimo in questo periodo ma quando posso una scappata qui la faccio volentieri.
    Debora
    http://chezdenci.blogspot.it/2012/11/un-po-di-pubblcita.html

    RispondiElimina
  48. Tu lo sai vero che hai già pronto il passaporto per la beatificazione? No, perché a me altro che i capelli avevano tirato se vivessi li. Evitando di ripetermi, mi concentro sulla zuppa e su quel diavolo di donna che e' la Martha, che se lo sanno gli arabi, siamo rovinate! Ti abbraccio rebel! Pat

    RispondiElimina
  49. Stefy quello che hai scritto mi ha reso molto triste...pensare ad una realta' così diversa nel posto in cui abiti tu, mi fa rabbrividire...Quanto alla zuppa, invece, è davvero fantastica, come sempre!
    ti abbraccio forte, quanto mi piacerebbe conoscerti dal vivo!!!ps.una domanda ma tu sei una lontana parente della valletta tua omonima? Non so ma vedo una vaga somiglianza...magari mi sbaglio! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  50. Rimango sempre esterrefatta quando leggo quel che succede dove vivi. Mi dispiace davvero molto leggere che le donne siano ancora trattate così e che soprattutto loro permettano un simile sistema. Per la zuppa invece non ci son parole, buonissima :-) Bacioni!!

    RispondiElimina
  51. Ma che bel regalo, una perfettissima zuppa da coordinare col fiammante che ho ritirato ieri e indosso ora :-). Il pesto nelle minestre (meglio nel minestrone) lo metteva la mia prozia milanese di cui sai che certo non conosceva Martha Stewart. Credo che il cibo rimanga tutto sommato la cosa più globalizzata del mondo. Spero di trovare qui qualche fogliolina di basilico perché lo meriterebbero davvero (la tua zuppa e lui di finirci dentro). Un abbraccio felice (malgrado le italiche tradizioni che non cessano di riaffacciarsi, basta!) dal gelido nord.

    RispondiElimina
  52. Mamma mia che tristezza, pensare che siano possibili cose del genere nel ventunesimo secolo e a pochi chilometri da noi fa venire la pelle d'oca.
    Ok bisogna rispettare le diverse culture e tradizioni ma questo io lo chiamo integralismo e basta!

    RispondiElimina
  53. A volte non capisco se sia più il paese dove sei ad essere la tua spina nel fianco o viceversa lo sia tu per loro con la tua allegra ironia!! :P ahahahhaaa
    Dico questo perchè il riso ha seppellito nella storia più di una "realtà seria" e quindi come dire mi auguro che indirettamente in qualche modo tu possa dare anche così il tuo contributo ad un eventuale e soprattutto reale 'primavera culturale' la stessa che ti spinge a dare un tocco di primavera (ma tu guarda un pò! :) ) ad una zuppa autunnale...
    I complimenti li tralascio...già sono pesante, se comincio ad essere ripetitivo MissD. chiede di farmi internare! :P ahahahahhaah

    RispondiElimina
  54. TRistezza senza limiti e..per fortuna ci sono i cammelli!!!!!
    L zuppa è decisamente nelle mie corde :)
    Bacione

    RispondiElimina
  55. @ lucy: lo so, si rimane a bocca aperta.

    @ Vaty: me li hanno tirati per la strada! poi racconto ;-)

    @ jose manuel: grazie

    @ Federica: infatti, sta tutto lì!

    @ Alessandra: non potrei essere più d'accordo.

    @ giulia pignatelli: eh no, qui pioggia pochina ma quando viene...

    @ Emma Mon: grazie

    @ serena: perchè credo che le donne facciano tanta paura ;-)

    @ Valentina: siamo in due :-)

    @ fantasie: a questo non avevo pensato :-)))

    @ Francesco82; grazie

    @ Edith PIlaff: da me la Martha ha già il suo scaffale della libreria dedicato a cui mi rivolgo con reverenza :-)))

    @ eli: mi sembrano entrambi gran stupidaggini...

    @ Roberta Morasco: anche io avevo un sacco di Barbie e un solo Ken, poveretto :-)))

    @ DOlci a gogo: meglio non pensarci, si.

    @ Le pellegrine Artusi: bisognerebbe raccontargliela ;)

    @ stef: se vedessi la condizione in cui vivono capiresti che ribellarsi non è csì semplice.

    @ Tery B: ;-)

    @ Babs: ci sta di un bene...

    @ Memole: grazie

    @ ELENA: grazie

    @ Muscaria: Fulla non puoi perdertela!!!

    @ SQUISITO: eh si, tempo non ne ho quindi...

    @ TataNora: sono certa che i cammelli ricambino.

    @ Annajennifer: anche io ci giocherei ancora, figurati che tristezza mi faccia la povera Fulla!

    @ Cinzia: resisto, resisto.

    @ Aria: eh si...

    @ e il basilico: lo dico sempre anche io.

    @ Ilaria: beh, diciamo che non me la sono tenuta ;-)

    @ Anonimo: non ho mai detto nulla del genere, anzi da grande appassionata di calcio gli faccio tanti auguri che possa aver successo!

    @ la cucina di Esme: se non si nasce qui è difficile comprenderle.

    @ Francesca: ebbene si!

    @ Laura: grazie

    RispondiElimina
  56. A pensarci bene è l'idea del concorso che turba. E' meglio giudicare le ragazze in base alla forma del loro posteriore o in base ai loro principi morali? Mah, a me turbano entrambe le cose. Posso capire un concorso in cui bisogna esibire qualcosa che si sa fare (cantare, ballare, suonare...), ma come si fa a esibire cosa si è? Elena

    RispondiElimina
  57. oh mamma e quanti no... no... no...
    che tristezza davvero!
    dubito che siano felici 'ste ragazze, ma contente loro...
    la zuppetta mi stuzzica, se la vede mio marito se la fa preparare già domani :-P
    baciiii.

    RispondiElimina
  58. hai sempre ricette "strane"... è quetsa la cosa che mi fa impazziredel tuo blog :-)

    RispondiElimina
  59. dio guarda il concorso di bellezza interiore sulla conoscenza del corano, mamma mia non ci volgio pensare e mi consolo con la zuppa

    RispondiElimina
  60. Sai che ti dico? Che l'idea di base del concorso "Miss Bella Dentro" non sarebbe neanche male: prova a pensarlo fuori dal contesto e mettilo in contrasto con le varie porcate che culminano a Salsomaggiore, l'apoteosi del cattivo gusto, altro che miss italia (e la lettera minuscola qui è voluta!). Se solo andassimo ad analizzare cosa c'è dietro questi concorsi di "bellezza" e quanti danni hanno provocato mi si accappona la pelle.

    Mi faccio promotore di un vero concorso "Bella dentro". Anzi, sai che ti dico? Ti voto! (tanto per il concorso "bella fuori" hai già stravinto da un pezzo!!!)

    Ciao, bella (dentro e fuori!) :)))

    RispondiElimina
  61. Un concorso per "belle dentro" non mi spiacerebbe, se non fosse la naturale conclusione della tua descrizione dell'Arabia Saudita. Certo, anche le veline in tv che sposano un calciatore mi fanno tristezza, ma una tristezza incredibilmente diversa. E anche io preferirei un concorso di bellezza fra cammelli, che poi i cammelli mi fanno anche simpatia.

    La zuppa mi ispira assai... il pesto lo conoscevo nella soupe au pistou provenzale, ma in abbinamento coi legumi deve essere divina!

    RispondiElimina
  62. noooo meglio guardare i cammelli davvero! il fatto è che secondo me loro non avvertono tanto questa tristezza..ci sono nate.. mah, il troppo storpia si sa.. la zuppa? ottima!

    RispondiElimina
  63. Non faccio commenti su concorsi di bellezza & co.....non mi permetterei mai...A me sembra tutto solo un sogno, qualcosa che "non mi tocca", ma che vedo ogni giorno....non all'estremo, ma mi rendo conto che in estate, con 35 gradi all'ombra, testa coperta, maniche e pantaloni lunghi possano anche dare un-non-so-che di fastidioso....Ma ognuno ha le sue tradizioni e rispettiamo per essere rispettati (cosí ci si auspica....)......a dirla tutta: qui se si raggiungono i 10 gradi diurni, si tira un sospiro di sollievo, cioé, un alito biancastro....la tua minestra é un toccasana....la adoro!!! Un bacione

    RispondiElimina
  64. molto buona la zuppa, anche se io ho deciso di eliminare il pesto perchè copriva troppo il sapore

    RispondiElimina

Leggi i post precedenti: