giovedì 18 novembre 2010

Finto coniglio alla cacciatora araba agrodolce in crosta di sfoglia

Ma chi me l'ha fatto fare. Quale insano neurone e' il colpevole.
Ditemelo voi, se e' normale decidere di partecipare all' MT Challenge dimenticandosi allegramente di vivere in Arabia Saudita, dove i conigli non sanno nemmeno cosa siano ed il vino severamente vietato.
Normale, no?
Cominciamo dal problema in apparenza piu' complicato: il vino.
Lo confesso, io totalmente astemia, sono una grande produttrice home made.
Non chiedetemi come, con quali materie prime, quali attrezzi o dovrei passare da ciascuna delle vostre case e zittirvi per sempre.
Sappiate solo che il risultato presenta molteplici varianti non dovute alla mia volonta'. Come tutte le cose che lievitano e fermentano, anche questa e' viva. Non tanto da camminare, ma di far scoppiare un paio di bottiglie si. Non tanto da parlare, ma abbastanza da decidere autonomamente cosa far uscire ogni volta. Quest'ultima e' stata la volta di un vinello rosso frizzante un po' dolce, un Brachetto secondo il sempre ottimistico consorte. E allora che Brachetto sia.
Passiamo al problema coniglio. Che qui non ci siano e' un dato di fatto, ma secondo voi potevo non togliermi la soddisfazione di chiederlo al macellaio, tanto per vedere l'effetto che fa?
Mi avvicino al bancone, e dato che siamo in piena Eid-al-Adhat, festa religiosa in cui e' tradizione uccidere e mangiare un caprone, tutto lo spazio disponibile e' occupato da suddetta bestia, depilatissima e sdraiata a pelle di leopardo. Mi fa una certa impressione, e ancora di piu' all'amica americana che mi accompagna che trasalisce vistosamente causando l'ilarita' del macellaio.
Bene, se ride sara' disponibile.
Comincio a chiedere il coniglio in inglese, ma lo so che il ragazzo arabo lo parla pochissimo. Ma l'arma segreta e' aver controllato come si chiami in arabo il simpatico mammifero, ed ecco che con fare tronfio ed orgoglioso ripeto la frase nella lingua di chi mi sta ascoltando.
Un piffero. Capisce che cerco una bestia a lui sconosciuta, e questo e' quanto.
Avrei un'ultima possibilita', ma proprio ultima. Non avrei mai voluto essere costretta ad usarla.
Arrotolo le labbra, e faccio la faccia da coniglio. Giuro.
La mia amica che ancora si sta riprendendo dalla vista del caprone sanguinolento per poco non sviene dalle risate. Il macellaio contro ogni previsione inorridisce.
Ma effettivamente, in un Paese dove vige una rigida separazione dei sessi e parlare con un uomo che non sia tuo parente stretto e' talmente disdicevole da essere in alcuni casi considerato reato, avere davanti una pazza con la faccia da signorina Silvani che fa le moine a Fantozzi puo' essere un tantino destabilizzante.
Ok, non funziona.
Qui a sorpresa ci si mette la mia amica: mani sulla testa, ad imitare due simpatiche orecchie ritte. Il macellaio non sa piu' che fare, ed immagino che chiamare la sicurezza del supermercato non sia un pensiero poi cosi' recondito.
Ho capito va, acchiappo i petti di pollo e scappo.
Prima che il coniglio venga associato a Playboy, e noi a Hugh Hefner. Per il vino, passi.
Ma vi assicuro che e' l'ultimo posto del mondo dove vorreste che vi scambiassero per una coniglietta :-)

Questo l'antefatto. Ho trovato il pollo, manco un normale pollo con tutte le sue ossa dove dovrebbero essere, ma il solo petto. Tagliarlo a bocconcini e marinarlo con le mie spezie preferite, un attimo. Meno di un attimo, confermare la nota dolciastra del vino con del miele e decidere di cucinarlo in bianco. Ed un nanosecondo per coprire tutto con la sfoglia, facendone un piatto unico.
Che mica dopo tutta 'sta fatica volevate pure che cucinassi qualcos'altro! :-)
La ricetta originale di Ginestra e' qui, di seguito invece la mia variante.

POLLO ALLA CACCIATORA ARABA AGRODOLCE IN CROSTA DI SFOGLIA (per 3 porzioni abbondanti)

mezzo kg di petto di pollo a bocconcini
vino rosso dolce
un chiodo di garofano
due foglie di alloro
un cucchiaio di zathar
un cucchiaino di sumac
un cucchiaio di miele
brodo vegetale
sedano
carota
cipolla
olive, una manciata
capperi, un cucchiaio
sale, poca farina, olio extravergine
pasta sfoglia, o finta sfoglia

Mettere il pollo in un recipiente, unire il chiodo di garofano, l'alloro, lo zathar, il sumac, il miele e tanto vino fino a coprirlo. Mettere in frigo per qualche ora ( io una notte).
Il giorno dopo scolare i bocconcini di pollo dalla marinata, asciugarli, infarinarli e rosolarli in un padella con poco olio. In una pentola capiente fare un soffritto con sedano, carota e poca cipolla ed appena leggermente stufato unirvi i bocconcini di pollo rosolati. Unire quindi il vino usato per la marinata, passato al colino, le olive, i capperi, il sale e poco brodo vegetale.
Far cuocere semicoperto finche' la carne sara' tenera e si sara' formato un bel sughetto.
A circa 20 minuti da fine cottura, trasferire il pollo ed il sughetto in una pirofila. Coprirla con la sfoglia spennellarla con poco latte o tuorlo e mettere in forno caldo per circa 15 minuti, giusto il tempo di far gonfiare la pasta.
Servire caldo.


NOTE:
- inaspettatamente, il marito ha approvato. La nota dolciastra e' molto delicata, e ben contrastata dal profumo delle spezie.
- lo zathar e' una spezia di colore verde molto usata in Medio Oriente. E' formata da un mix di timo, origano. maggiorana, menta ed a seconda di chi lo prepara anche semi di finocchio, o cumino.
- il sumak, dal bellissimo colore viola, altro non e' che semi di melograno essiccati e polverizzati. Ha un vago gusto agrumato.


99 commenti:

  1. Leggendoti mi sono sbellicata dalle risata proprio come la tua amica americana. Certo che sei simpaticissima.
    Grazie per la ricetta ma sopratutto per il tuo post.
    Buona giornata
    Natalia

    RispondiElimina
  2. Leggere il tuo post di primo mattino mette il buon umore oltre che un certo appetito ...
    Bacioni dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  3. tu lo sai, vero, che all'emmetichallenge si danno i premi ad personam? e sai anche quanto è "str...amba" chi li scrive, vero???
    e che non si dica che non me l'hai offerta sul classico piatto d'argento :-). Insieme a questa spettacolare ricetta!
    Grazie!!!
    ale

    RispondiElimina
  4. Quando si dice il piacere della sfida in tutto e per tutto :)) Avrei voluto vederti fare la faccia da coniglio! Sei unica. Un bacione

    RispondiElimina
  5. leggere i tuoi post mi fanno sempre ridere! ottima ricvetta e io adoro il coniglio ma trovare ricette in rete è sempre difficile

    RispondiElimina
  6. Non so se è più divertente la tua presentazione o il premio che ti verrà conferito :D

    RispondiElimina
  7. slurp, me lo potresti pure fare tra un po'....!

    RispondiElimina
  8. Mi piace molto leggere i tuoi post, perchè proponi piatti interessanti, e perchè mi fai piegare in due dalle risate! Ciao...

    RispondiElimina
  9. Ciao, leggere i tuoi post è sempre un piacere, fanno sembrare facile e divertente poter vivere in un paese cosi' lontano da noi !
    Sai che vorrei essere anch'io li con te, soprattutto adesso che qui comincia l'inverno ?
    La ricetta poi è da provare !
    Aspetto di conoscere quale sara' la tua prossima avventura :)
    Buona giornata

    RispondiElimina
  10. Ecco la tua ricetta in crosta che mi accennavi ieri, che dire buonissima, adoro le carni in agrodolce! mi sfugge il sumac, di che spezie è composto?
    un caro saluto,
    pat

    RispondiElimina
  11. Quando riesco a cominciare la giornata leggendoti mi resta la ridarella per tutto il giorno o quasi, quindi grazie :-) Sei simpaticissima. Ciao ciao

    RispondiElimina
  12. Sarà meglio che mi do una mossa a pubblicare la mia ricetta del contest..... che se no perdo l'ispirazione a vedere quello che state preparando!!!!Aaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhh...corro...che è pronto e devo ultimare...brava!!!!e buona giornata

    RispondiElimina
  13. Anni anni fa, durante la prima gita in Ungheria, la mia mamma per chiedere del pollo per mio fratello ha fato "coccodè coccodè" in mezzo ad un ristorante.Mancava solo che si mettesse a razzolare !
    Però, laddove tutte le lingue, almeno quattro, da noi conosciute avevano fallito, questo ha funzionato...tra l'ilarità generale!
    Mi hai fatto davvero ridere oggi. grazie di cuore, Rosanna

    RispondiElimina
  14. Fargli un disegnino no? LOL!
    You're a brave ;)

    RispondiElimina
  15. Ihihihi, mi faccio sempre un sacco di risate quando leggo le tue vicissitudini in terra araba!! Quand'è che ci spiegherai come fai il vino???

    RispondiElimina
  16. Certo che non è facile vivere in un paese come il tuo, cmq tu te la sei cavata alla grande, con la tua solita simpatia, brava.

    RispondiElimina
  17. Ahahaha, immagino la faccia del tuo macellaio! Io ne ho uno turco burberissimo e anche da lui non devo davvero osare andare a chiedere un coniglio!
    Sono comunque curiosa di sapere come fai a fare il "vino" :)

    RispondiElimina
  18. sei meravigliosa, ho le lacrime agli occhi dal ridere e la mia collega qui accanto si è preoccupata seriamente! grazie per i tuoi meravigliosi resoconti, cosa faremmo senza di te?!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. Come sempre, mi sono dovuta trattenere dalle risate solo perché ti leggevo mentre ero al telefono con un cliente che mi stava facendo una tirata mostruosa e dovevo fingermi seria (anche se non avevo la minima idea di cosa stesse parlando). Però posso dire la mia? Io i piccoli, affettuosissimi coniglietti non li mangio e sapere che nemmeno in Arabia c'è questa barbara usanza mi fa rivalutare la cultura saudita. Preferisco mille volte la versione col pollo (lo so, il mio vegetarianismo selettivo è piuttosto incoerente)

    RispondiElimina
  20. qui c'è il problema opposto: abbondiamo di conigli ma manchiamo di spezie come si deve!
    In questo caso però stranamente ho tutto... Che dici: ci provo con il coniglio vero invece che col pollo?

    RispondiElimina
  21. .....in tutto questo ho capito male, o ti fai pure il vino da sola??????
    Ecco, assaggerei volentieri mezzo bicchiere del tuo brachetto ;)
    Bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  22. Cerco d'immaginarti con la faccia da coniglietto... mi sono spaccata dalle risate... ahimè non riesco ad immaginare invece il profumo e sapore dello zathar e del sumac...ma da adoratrice di spezie quale sono sbavo lo stesso all'idea di questo incontro di profumi con la tenera carne del pollo e il croccante della crosta ed anche se sono solo le 10 ne mangerei più che volentieri una porzione!
    ricetta fantastica
    baci

    RispondiElimina
  23. Ridooooooooo!!!!
    Tra te e la tua amica mi immagino la scena!!!
    La Signorina Silvani, poi....ahahahahah

    Bella anche la foto, ma il blog te la taglia (almeno io confrontandola con l'ingrandimento la vedo tagliata)

    RispondiElimina
  24. che bel modo di iniziare la mia giornata... sorridendo mentre leggo il tuo divertentissimo post! Che racconta di un mondo tanto lontano da me, quanto affascinante! un abbraccio, Sara

    RispondiElimina
  25. CAPOLAVORO!!! :-)
    Livia
    P.S.: non riesco a non immaginarti nella tua cantina a dialogare con i lieviti. Credo che un toscano nei pressi non possa rimanere indifferente...
    P.P.S.: la parola dell'antispam era "devor.." ;-)

    RispondiElimina
  26. stef
    ma passare da te strappa sempre un sorriso e una botta d'acquolina :)
    baciniiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  27. Cosa non si fa per quelle due pazze... PAZZIE, appunto!!!
    Comunque, la nota dolciastra è proprio nelle mie corde, ma cosa è lo zathar???
    Baci omonima

    RispondiElimina
  28. Wow stupendo!! Mi piace questo fagottino, una delizia!!
    Zathar e sumac...mai sentiti,non ne conosco l'aroma, ma immagino che abbia un profumo magnifico! Interessante anche l'uso del miele!

    RispondiElimina
  29. Mancava che zompettassi ihihih
    sei spassosissima! ^___^
    Che tripudio di stuzzicanti odori arabeggianti
    Baci

    RispondiElimina
  30. A vederlo sembra veramente delizioso, certo che però ti sei vendicata nei nostri confronti..noi abbiamo il coniglio ma zhatar e sumac no!!! Proverò a cercarli ma qui ad Arezzo sarà grassa se trovo i semi di finocchio. Baci alla nostra Carrie araba

    RispondiElimina
  31. non smetto di ridere, grazie, oggi mi ci voleva proprio un post così divertente!

    Confermo quello che ha detto lo ZioPiero anche io, confrontando la foto ingrandita a quella sul blog la vedo tagliata:-)

    Un bacio

    RispondiElimina
  32. Stefania i tuoi post mi fanno sempre morire...li tengo li aperti sul PC per potermeli leggere quando ho un po' di tempo da dedicarmi...una specie di "comfort post" ^_^
    Avrei voluto vedere la scena di te e la tua amica a mimare cose strane al macellaio...deve essere stata una cosa da sbellicarsi.

    Alla fine comunque direi che e' andata benissimo anche con il pollo!!

    RispondiElimina
  33. Ciao!!!!! Maaaaaaaaa che bello, poterti vedere in versione coniglietta, al super, davanti ad un allibito sconosciuto !!!!!
    Comunque, l'arte dell'arrangiarti, a te non manca!!!!! Sei unica!!!!!!!
    Un bacione!!!!!!!!

    RispondiElimina
  34. Oh Stefy son piegata in due dalle risate, passerei volentieri con te un paio di giorni per vivere queste avventure quasi surreali. Sei uno spasso e sono sicura che il macellaio non vede l'ora di rivederti ;DD
    Un grandissimo bacio
    Sonia
    PS: la prossima volta che dovesse servirti un coniglio dimmeli, ti invio la mia foto quando sorrido, così capiscono subito di che bestia hai bisogno!

    RispondiElimina
  35. M'hai fatto mori'!
    troppo buffa!

    Diciamo che il coniglio trasformato in pollo, ti si puo' concedere, via!!
    Hai motivi piu' che validi!!!
    ;-)

    RispondiElimina
  36. Ok. Il premio è tuo! Solo per tutto l'antefatto dal macellaio te lo meriteresti, è stato troppo bello. Ti capisco benissimo e giuro che se ero lì sarei stata il terzo coniglio...ho già esperienza di imitazione di agnello in Patagonia, sempre con scarsi risultati!
    Un bacio Claudia

    RispondiElimina
  37. buonissimo, devo provare questa versione! ;-)

    RispondiElimina
  38. tesoor con i tuoi post mi fai morire c'è da ridere sempre e poi adoro il tuo modo di raccontare le ricette...sono d'accordo con tuo amrito approvo e come questo piatto,favoloso!!baci imma

    RispondiElimina
  39. mamma mia quanto sei forte!!!!!questo finto coniglio però è davvero superbo!!!! da provare e presentare come coniglio chissà se ci cascano gli invitati??? potrebbe ancche essere :-)

    RispondiElimina
  40. Confesso di essere sollevata. Non mangio coniglio, non ce la faccio proprio, così come tanti altri animali.....e se non fosse per una serie di motivi complicati da spiegare sarei anche vegetariana......
    Sono felice che con questa tua ricetta hai lasciato la possibilità ad un coniglietto di scorrazzare felice, così almeno voglio credere. Povero pure il pollo....ma se comincio a pensare a queste cose non mangerei più nulla. Quindi bell'idea quella del coniglio alla cacciatora senza coniglio. Questa posso mangiarla anch'io. :DDD
    Un bacione

    RispondiElimina
  41. Avrei voluto essere una mosca ....per vederti in versione coniglio :-))))))
    Bellissimo post di ...finto coniglio !
    un saluto , chiara

    RispondiElimina
  42. Mmmm che famina che mi sta venendo... sei troppo brava tesoro!!!

    bacini

    RispondiElimina
  43. Maddài! Sei riuscita davvero a fare il coniglio davanti al macellaio???
    Concordo con le altre, il premio è tuo, in quanto a determinazione non ti batte nessuno!
    ...bbono il pollo, ma ho finito lo zathar (che conosco bene)!

    A presto!

    Dani

    RispondiElimina
  44. Scusa se passo su tutto e vado ad una domanda diretta...ma il forno è ventilato...ma ventilato dal tuo phon per caso?! :P ahahahahahahahaha
    Scappo come un "coniglio" prima che mi ci mandi al volo :PP
    PS
    Ottima ricetta per una cuoca versatile ed ironica come poche :)

    RispondiElimina
  45. ciao, ti leggo sempre e mi fai sempre sbellicare dalle risate!!!le tue ricette sono molto interessanti sopratutto per i modi con cui le adatti agli ingredienti che hai a disposizione.
    p.s.ho letto che hai vissuto in Libia, io per lavoro sono molto legata a questo paese, ci sono stata solo una volta purtroppo, però mi ha affascinato molto...posso chiederti dove vivevi?
    ciao sara

    RispondiElimina
  46. Anch'io non mangio il coniglio..da quando non c'è più la mia cuoca preferita..che lo faceva buonissimo...e da quando ce l'ho in un recinto in giardino..i tuoi post sono sempre deliziosi e la ricetta da provare.

    RispondiElimina
  47. Grandiosa l'imitazione del coniglio arricciando le labbra, se fossi stata lì sarei scoppiata in una risata così fragorosa che mi avrebbero arrestata immediatamente!!!

    Bellissima anche la ricetta, col Brachetto home-made. Giuro che non lo dico a nessuno*, mi dici come lo fai? :-D

    * e nemmeno ci provo a farlo: sono diventata matta a metà settembre col vino cotto, non ci penso nemmeno a fare quello "serio"!!! ;-)

    RispondiElimina
  48. Sai perchè sono corsa a vedere la tua ricetta?!? perchè anche io devo partecipare a questo contest, e magari mi veniva su un'idea!! Stasera dovrò rifilare il coniglio a mio socio che lo odia...
    magari gli racconto che è pollo...
    :)
    Vero

    RispondiElimina
  49. beh che dire meno male che il macellaio era un tipo ironico...va detto che hai avuto un gran coraggio, io non avrei mai fatto l'imitazione del coniglio. Certo che però mi hai fatto morire dal ridere. Quindi se ho capito bene io faccio la birra e tu il vino? Incredibile, sei piena di sorprese

    RispondiElimina
  50. hai descritto molto bene la situazione pareva di essere li, avrei pagato per una web cam per vedere la faccia del macellaio alle vostre richieste, complimenti per la ricetta il petto di pollo è quasi uguale, sapevi che il sommacco lo importano dalla Sicilia, è sempre la Sicilia è il maggior produttore al mondo di sommacco?

    RispondiElimina
  51. Deve essere delizioso complimenti

    RispondiElimina
  52. ho le lacrime!!!!!!!! buono però il pollo!!!

    RispondiElimina
  53. No no le conigliette in Arabia, non é consigliabile...no, poi il versetto del coniglio a labbrucce serrate, 'ste occidentali..
    peró le spezie arabe non male eh !!

    RispondiElimina
  54. ho riso troppooooooo! e adesso chissà la ale che premio ti darà... prepàrati!
    bravissima, come sempre

    RispondiElimina
  55. Divertentissimo il tuo racconto! io uso tantissimo sia lo zathar che il sumak ( parola che poi ho modificato e usato per il mio blog!) Baci Monica

    RispondiElimina
  56. Ciao Araba!! difficile descrivere un coniglio eh!? il sapore di questa carne poi è difficile da replicare: leggermente amarognola e adatta a preparazioni un pò più ricercate!
    non male questa versione per il pollo, poi in crosta ci piace ancora di più!
    Senti, avremmo una richiesta: ci intrigano moltissimo questwe spezie orientali che usi...non è che ce ne manderesti qualcuna? a tuo gusto eh..ma sappi che ci piacciono i profumi e sapori nuovi....per il resto..ci fidiamo!!
    Intanto un bacione
    PS: natuiralmente siamo pronte a ricambiare eh?

    RispondiElimina
  57. Ahahahah Stefy che avventura!
    Cos'avrei dato per vedere la faccia del macellaio!
    Non sarà il coniglio ma sai che però questo pettuccio di pollo marinato non è niente male?
    hai fatto di necessità virtù e guarda che ne è uscito..una teglia golosissima e profumata, bellissima idea!
    baci

    RispondiElimina
  58. Next time prova a chiedere la milza per fare i miei crostini!

    RispondiElimina
  59. @ Natalia: ma grazie a te :-)

    @ I VIAGGI DEL GOLOSO: grazie, da viaggiatrice a viaggiatori ;-)

    @ alessandra (raravis): lo so, lo so. E non sai quanto ridevo mentre scrivevo, pensando proprio a te :-)

    @ Federica: e altrimenti che challenge e'??

    @ lucy: e non solo in rete :-)))

    @ Milen@: confidiamo tutti in Ale, vero ?

    @ Giovanna: per questo gia' posso dirtelo: no tempo!!!

    @ valentina curvato: oh mamma, grazie!!!

    @ Ester: beh, divertente lo e' di sicuro, credimi. E anche il clima niente male :-)

    @ Patricia: hai visto? stessa idea :-) ho aggiunto una nota al post, e' semi di melograno essiccati, da vagamente di limone.

    @ Chez Denci: addirittura tutto il giorno??? grazie a te :-)

    @ EliFla: aspettiamo di vedere il piatto, allora :-)

    @ rosanna: di necessita', virtu', o sbaglio???

    @ alessandra: mannaggia, a questo non avevo pensato!!! :-)

    @ Elel: assolutamente MAI :-)))

    @ Fabiola: ma nemmeno impossibile,credimi :-)

    @ MarinaV: no way :-) vengo con te dal tuo macellaio e proviamo???? :-)))

    @ Francesca: ed ora io sono preoccupata per la collega :-))) grazie!

    @ Onde99: ecco, hai dato nome ad un fenomeno che non sapevo definire: il vegetarianismo selettivo! Ne sono affetta anche io, per motivi molto oscuri :-) Grazie mille!

    @ acquaviva: ma si, secondo me viene ugualmente buonissimo!

    @ Zia ELle: ebbene, si :-)

    @ Ginestra: ho aggiunto una nota al post proprio per descrivere queste spezie, dato che non sei l'unica a chiederlo. E grazie ;-)

    @ Zio Piero: problema annosissimo, ormai fotografo tutto inquadrando a sinistra :-(

    RispondiElimina
  60. @ Sara:beh, un mondo abitato da una..pazza. Poveri gli arabi :-)

    @ Livia: se "capolavoro" e' sinonimo di "disperazione", allora ti do ragione. Quanto al toscano, e' molto, molto coinvolto. All'assaggio :-)
    P.S.: la parola antispam e' la conferma che Blogger e' un Grande Fratello!!!!

    @ Babs: ciao, mi fa piacere rileggerti da queste parti!!!

    @ fantasie: aggiunta nota al post ;-) Eh si, se non sono matti non li vogliamo, vero?

    @ Tery: come ho gia' scritto, ho aggiunto una nota al post. Ti ringrazio!

    @ pagnottella: ma sai che il saltino da coniglio me lo potevo giocare come arma segretissima??? :-)

    @ Le pellegrine Artusi: ad Arezzo non so, ma saprei indicarti a Roma dove trovarle...

    @ Silvia-Pan con l'olio: e' un problema che ho riscontrato da tempo, la colonna centrale mi "mangia" sempre un pezzo di foto...tentativi di soluzione per ora tutti falliti :-(

    @ elenuccia: ammetto che siamo state due ragazze cattivelle, ma insomma ogni tanto si puo' fare...eravamo innocue, comunque!

    @ Lory B.: oddio detto cosi' mi immaginerai vestita alla Kendra Wilkinson...mooolto lontano dalla realta' della mia abaya ;-)]

    @ SUNFLOWERS8: credimi, non e' il posto, sono io. Per cui ovunque dovessimo incotrarci assicuro contorno surreale al 100% :-)

    @ Gaia: concesso mi fu!!! giuro! dalla severissima giuria :-)

    @ Mamma in pentola: vedi!!! tu mi capisci, allora!

    @ Micaela: grazie, cara.

    @ Imma: incredibile, eh? che se lo sia mangiato anche lui!!!

    @ Ely: secondo me si ;-)

    @ viola: ebbene si, il coniglietto e' ancora felice, il pollo un po' meno ma appunto come dici tu se mi fermo a pensare va a finire che bevo solo acqua :-)

    @ Chiara: sono disposta a replicare se mai dovessimo incontrarci :-)

    @ Mirtilla: grazie, che gentile!

    @ Francesca: grazie anche a te!

    RispondiElimina
  61. Ciao Stefy.. una vera impresa titanica. ma alla fine che meraviglia!!! unbacio

    RispondiElimina
  62. Quello che più mi ha incuriosito del titolo è stato la " cacciatora araba".
    Quello che più mi ha intrigato nel post è stato il "fare la faccia da coniglio". Siccome non mi è ben chiaro il concetto, potrei avere una foto esplicativa? Grazie.

    RispondiElimina
  63. E' sempre un piacere passare a torvarti.. mi fai morire dalle risate! :)
    e che dire di questa ricetta..anche se modificata in corso d'opera è deliziosa! :)
    Giulia

    RispondiElimina
  64. Molto simpatico questo post, è un piacere leggerti, la ricetta è deliziosa. Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  65. Deve essere stata una scena esilarante. Ti ho scoperta da poco...e l'idea di resoconti che arrivano da così lontano mi piace tantissimo quindi mi ritroverai spesso. Complimenti e a presto. Sonia

    RispondiElimina
  66. Ciao cara bella ricetta ma soprattutto bella performance dal macellaio .... non oso immaginare i commenti di tutto il negozio .... questi occidentali. :) a presto

    RispondiElimina
  67. sei superrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr...come sempre...

    RispondiElimina
  68. Ciao....io vorrei partecipare al tuo contest ma non so come si fa a mettere il banner sul mio blog e come linkarlo per far accedere altre persone al tuo...potresti aiutarmi!?

    RispondiElimina
  69. Mi fai morire dalle risate ogni volta che leggo i tuoi post.
    Sei troppo forte!
    Avrei voluto vedere la tua faccia dal macellaio!
    Buonissimo il conipollo!
    Baci

    RispondiElimina
  70. come al solito riesci a portare allegria in queste giornate piovose italiane!!!!complimenti per il post e per la ricettina!!!mi fai morire dal ridere!!!!

    RispondiElimina
  71. La ricetta, pur modificata, è interessantissima, ma soprattutto mi hai fatto sbellicare dalle risate...la mia collega è ancora piegata in due con le lacrime!!!! Complimentissimi!!! Baci!!!

    RispondiElimina
  72. Grazie mille cara!!Ce l ho fatta...purtroppo non sono ancora pratica,il mio blog ha poco + di una settimana,ho ancora molto da imparare!!!Ora posso partecipare...ho già in mente la ricetta!!!Bella l idea di questi contest!!!Avrai presto mie notizie!!!

    RispondiElimina
  73. ciao coniglietta!! e sì che a te non mancano certo i numeri per essere scambiata per una fotomodella... cambia quella foto nel profilo che non ti rende giustizia (o è una mossa strategica per scremare i rompiballe?) :D
    il tuo sumak è strepitoso, ne è bastato un poco per colorare una farcitura che aveva un colore giallino per niente invitante in un fucsia allegrissimo.
    il piatto mi piace molto sarà che il brachetto mi aggrada parecchio, anche se hai dovuto ripiegare sul pollo credo che la ricetta meriti comunque. un abbraccione!

    RispondiElimina
  74. post esilarante fantastica ragazza :)). ciao

    RispondiElimina
  75. Ogni volta che racconti queste vicende, non posso fare ameno di immaginare la scena e sorridere! Se capito da quelle parti non chiederò al macellaio il coniglio. Comunque io preferisco il pollo quindi va bene anche così!

    RispondiElimina
  76. la prossima volta procurati un cilindro, una bacchetta magica e poi recita "abracadabra" e puf! ecco il coniglio :D
    scherzi a parte è sempre un piacere leggere i tuoi divertentissimi post e le gustose ricette.
    quasi quasi riproviamo questo pollo, magari proviamo a passare da piazza vittorio a cercare le speziette, secondo te le troviamo?

    RispondiElimina
  77. avrei voluto essere lì a guardare mentre mimavi al macellaio il coniglio eh eh eh, noi qui lo chimeremmo coniglio 'fujuto'! (coniglio scappato, per indicare che il coniglio non c'è) ma sarà stato sicuramente ottimo anche col pollo :)

    RispondiElimina
  78. non hai provato a fare un disegnino? :-D ahahaha! immagino la faccia del macellaio! mi è venuta in mente la mia in un ristorante giapponese in Florida! ci spiegarono la coda d'aragosta a gesti! troppo forte! alla fine ci fecero un bel disegnino :-D lo consevo ancora! va beh! adoro i piatti in crosta hanno tutto un altro sapore! anzi tutti i sapori restano ben bene nella carne!Le spezie saranno una meraviglia...inutile cercarle qui! sto ancora alla ricerca dei semi di papavero!ciaoo

    RispondiElimina
  79. Caspita, pensare di dover vivere all'estero e non poter avere a disposizione tutto quello che si vuole mi fa strano!:O
    Certo del coniglio forse si può fare a meno...ma il vino!
    Brava Arabella...se non ci fossi ti dovrebbero inventare...la storiella del macellaio mi ha fatto ridere!
    IL pollo-coniglio è davvero godurioso!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  80. Oh gesù...avrei voluto vedere te a far il coniglio e pure la faccia del macellaio!
    cmq questa la segno...uno perchè io il coniglio proprio non riesco a mangiarlo...due perchè c'ha spezie che amo come il sumac e lo zahtar! :)
    baci coniglietta!

    RispondiElimina
  81. @ dadamilla: ebbene si, e pure senza alcuna vergogna!

    @ Gambetto: ahahahahaah attento che il mio phon e' talmente potente che potresti improvvisamente essere investito da una folata bollente:-) non chiederti da dove arrivi!!!
    Forno sempre statico ;-)

    @ Sara: ho vissuto in un piccolo paese a pochi Km dal confine con la Tunisia, proprio sul mare. E tu, dove sei stata? :-)

    @ MAri e Fiorella: anche io se l'avessi in giardino non riuscirei a mangiarlo!!!

    @ Mapi: niente da fare :-) ma posso spiegarti come fare il coniglio arricciando le labbra!!

    @ Vero: assolutamente di' che e' pollo...

    @ valerioscialla: ti ho pensato infatti, e ricordo benissimo il tuo post sulla birra!

    @ Gunther: questa del sumak mi e' nuova, grazie!!! imparo sempre qualcosa da te ;-)

    @ steval: grazie :-)

    @ federica: secondo me le ha pure il macellaio :-)

    @ Glu.fri: e sai, se non mi attaccavo alle spezie andava a finire che dovevo attaccarmi...al tram :-)

    @ cristina b.: sono spiritualmente preparata al peggio :-)

    @ Monica: sono spezie buonissime e molto versatili, vero?

    @ manuela e silvia: ma certo, con molto piacere :-)

    @ meggY: ah, non volevi piuttosto vedere la mia a coniglio?:-)))

    @ cristi: e chissa' che mi rifilano...

    @ Fabiana: beh, si. Ma almeno mi sono divertita!

    RispondiElimina
  82. @ Carlotta D.: ehm...a costo di sembrare scortese, ma...no :-)

    @ Amaradolcezza: grazie!

    @ Daniela: ti ringrazio :-)

    @ alberodellacarambola: a presto, allora, e grazie :-)

    @ Elisa80: sono certa che stanno ancora parlando di noi...

    @ Cuoco personale: :-)

    @ cucinoIO: abbiamo risolto, mi fa piacere :-)

    @ gloria cuce':grazie mille:-)

    RispondiElimina
  83. @ sara: che bel complimento, grazie.

    @ Bucaneve: mi fa piacere se vi siete fatte una risata, e grazie :-)

    @ Cristina: anche io uso il sumak per colorare, solo che non l'ho mai messo nei dolci ma solo usato per fare la maionese viola :-)

    @ Francesco: :-)

    @ Tania: per carita', potrebbero associarti a me :-)))

    @ labandadeibroccoli: a piazza Vittorio credo proprio di si, e le ho viste anche da Castroni.

    @ Gio: qui quello che voleva scappare era il macellaio...

    @ vickyart: ammetto che al disegno non ho pensato. Pero' le spezie a Roma le ho viste, prova!

    @ Cranberry: beh, ci si adatta...di necessita', virtu' ;-)

    @ terry: ahahahahaah mi ci manca solo di essere scambiata per coniglietta :-)))

    RispondiElimina
  84. Soooo funny!!Dovresti vincere la challenge,considerato lo sforzo inumano fatto per poter avere la materia prima...
    Un bacione!

    RispondiElimina
  85. Bellissimo il racconto! Ti farei vincere fosse solo per la scena dal macellaio! Avendo vissuto anche io in paesi islamici mi sono sgansaciato dalle risate nel leggerti!

    Io mi sto arrovellando per un sostituto del coniglio e la mia amata renna non si presta per questo tipo di preparazione..

    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  86. In questo momento mio marito mi sta chiedendo perchè rido come una pazza davanti al pc, e il mio viso è rigato (ma rigato eh!)di lacrime... Quando passo di qua so già che mi strapperai un sorriso... stavolta no... delle risate fragorose. Sei un mito... ho cercato di imitare le labbra della signorina Silvani... ahahahhahahaahahahah!

    RispondiElimina
  87. Sempre divertenti i tuoi post, cara Stefy! Ti confesso che a me il coniglio non piace affatto, quindi questa variante col pollo è perfetta! Una ricetta stuzzicante e poi le marinate danno sempre un gusto in più. Baci. Deborah

    RispondiElimina
  88. Ciao Stefania mi hai fatto morire dalle risate:))Mi immaginavo la faccia del macellaio e voi due che cercavate di farvi capire !
    Sei un mito !!

    RispondiElimina
  89. leggendoti mi hai donato un momento davvero piacevole e luminoso in questa giornata buia e piovosa...simpaticissimo e fresco il tuo stile e l'episodio veramente divertente.Complimenti per la rielaborazione della ricetta,mi piacciono molto i nomi delle spezie così esotiche per me e proprio per questo così intriganti ...mi incuriosiscono molto.Una felice domenica e un grande abbraccio

    RispondiElimina
  90. è sempre un piacere passare nel tuo blog..in tutti i sensi!! guarda è talmente invitante che mi autoinvito!!!!!!!!!!!!baci!!

    RispondiElimina
  91. Dovresti riunire i tuoi post e farne un libro: ti assicuro che sarebbe godibilissimo! Ci hai mai pensato? :-)

    RispondiElimina
  92. @ Edith Pilaff: ma mi sono anche molto divertita, vale lo stesso? :-)

    @ /Alessandro: peccato, la renna alla cacciatora la aspettavo con ansia :-))))

    @ lori: la mitica signorina Silvani! Allora non e' simpatica solo a me! E grazie!

    @ il sapore del verde: allora si, decisamente un coniglio anche per chi non lo ama, il mio pollo!

    @ cucinaconciuba: grazie Silvia, un bacio!

    @ Antonella-Vera55: come sei gentile, ti ringrazio!

    @ Federica: sarai piu' che benvenuta!

    @ Lucia: e chi lo leggerebbe? qui almeno vi costringo :-) Ma grazie mille!

    RispondiElimina
  93. troppo divertente!
    certo, l'MTC è una sfida, ma sfidare al sorte al punto da farti arrestare per tentativo di seduzione di macellaio, no, questo è troppo.

    e poi questo pollo conigliato alla araba è fantastico... sembra uscito direttamente dalla cucina delle mille e una notte!

    RispondiElimina
  94. Vedi cosa non fa per l'MT Challenge!!!!:-)))

    RispondiElimina
  95. Sumak: pronto. Zatar: confezionato in casa con miscuglio di erbe fresche e secche secondo ingredienti. Marinata prima di uscire di casa, sperimentazione prevista per questa sera. Al momento buono, raffreddore che implora cestini di Montersino, ma nessuno a chiamarmi pecora, nemmeno solo mezza morta! Il coniglio però fa un profumo favoloso, anche se non ho la forza di assaggiarlo per adesso. Domani sarà ancora migliore :-). Livia

    RispondiElimina
  96. Oh mamma, quindi ti ci mancava pure il raffreddore.
    Comunque fidati, solo gli uomini diventano pecore morte da malati...le donne sono tutta un'altra pasta :-)

    RispondiElimina
  97. Beh, sì, piove sul bagnato e con continuità... Quanto a lui (in pentola) non solo è ottimo, ma i miei coabitanti hanno dato il loro convinto contributo a spazzolarlo. Come sempre il particolare del vino un po'dolce ci sta tutto, data la delicatezza della carne da marinare.
    Quanto alle pecore, forse hai ragione: la prima sera ho cucinato tre o quattro piatti per avvantaggiarmi nei giorni successivi, dato che ero totalmente incapace di fare altro ;-)... il giorno dopo ero così rintronata che l'unica cosa fattibile è stata leggersi una biografia di Diderot :-( mica spiacevole in realtà :-9

    Livia

    RispondiElimina
  98. Livia, lo dico io...e non solo io. Parlano i fatti :-)

    RispondiElimina

Leggi i post precedenti: